Acqua, da nemica ad amica del territorio

Una serie di appuntamenti formativi gratuiti dedicati al rischio idrogeologico e rivolti ai tecnici e professionisti che collaborano e dialogano con la Pubblica Amministrazione: si tratta di L’Acqua, da nemica ad amica del territorio, l’occasione (itinerante) per analizzare con attenzione, e con il contributo di voci autorevoli, un tema di grandissimo rilievo.

Gli incontri saranno focalizzati sulla gestione delle acque meteoriche, e non solo, che hanno un’azione fortemente distruttiva sul suolo e indirettamente sui manufatti. Verranno proposte soluzioni innovative relative ai sistemi di drenaggio delle acque, alla gestione e convogliamento delle stesse attraverso i sistemi di fognatura.

Il ciclo di appuntamenti L’Acqua, da nemica ad amica del territorio vuole offrire un momento di confronto ai tecnici che collaborano con la Pubblica Amministrazione e che si ritrovano sempre più spesso a far fronte alle problematiche relative alla gestione del dissesto idrogeologico.

Ecco gli appuntamenti delle prossime settimane:
Brescia, 20 ottobre 2015, con la partecipazione del prof. Baldassare Bacchi, Professore Ordinario di Costruzioni idrauliche presso l’Università di Brescia;
Verona, 28 ottobre 2015, con la partecipazione del prof. Franco Cecchi, Professore Ordinario di Impianti Biochimici presso l’Università di Verona;
Milano, 6 novembre 2015, con la partecipazione del prof. Marco Mancini, Professore Ordinario di Sistemazione dei bacino idrografici presso il Politecnico di Milano;
Trento, 11 novembre 2015, con la partecipazione del Prof. Riccardo Rigon, Professore Associato di Costruzioni Idrauliche presso l’Università degli studi di Trento;
Reggio Emilia, 24 novembre 2015, con la partecipazione del prof. Sandro Artina, Professore Ordinario di Costruzioni Idrualiche presso l’Università di Bologna.

La partecipazione ai seminari è gratuita previa iscrizione (fino ad esaurimento posti): per tutte le info organizzative vai alla pagina dedicata.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

Scrivi un commento