Condominio

Nuova disciplina del condominio ed uso delle cose comuni: come si connettono i due concetti dopo la riforma in materia avvenuta tra il 2012 e il 2013? Le cose comuni sono stabilmente al servizio delle unità immobiliari private, i cui titolari sono anche comproprietari delle parti edilizie e degli impianti comuni. Il godimento dei beni, degli impianti e dei servizi comuni è quindi in funzione del diritto individuale sulle singole unità di cui è composto il fabbricato. L’art. 1118 del codice civile si limita, in tale direzione, a stabilire la quota proporzionale del diritto di ciascun condomino sulle parti comuni, rapportandola al valore della propria unità immobiliare, ma nulla afferma in relazione all’uso dei beni comuni. A tal fine assume rilevanza l’art. 1102 c.c., costantemente utilizzato dalla giurisprudenza in questo verso.

A livello generale e preliminare bisogna precisare che i rapporti fra condòmini devono ispirarsi al principio di solidarietà, poiché la coesistenza di più appartamenti in un unico edificio implica di per sé il contemperamento dei vari interessi al fine dell’ordinato svolgersi di quella convivenza che è propria dei rapporti condominiali. L’uso del bene comune da parte di ciascuno deve pertanto risultare compatibile con i diritti degli altri, alla luce di un costante equilibrio tra le esigenze e gli interessi di tutti i partecipanti alla comunione (come afferma un orientamento consolidato della giurisprudenza).

Leggi anche l’articolo Condominio: e se l’amministratore oltrepassa i limiti del mandato?

Possono usare e godere dei beni comuni sia i condòmini che i titolari di un diritto di godimento reale o personale, a patto che detti beni siano caratterizzati per collegamento funzionale con le proprietà esclusive rendendo il godimento degli stessi strumentale alla fruizione del bene individuale.

Ingenti novità con la riforma del condominio si sono palesate con rifermento al tema dell’integrità delle destinazioni: per maggiori ed approfondite informazioni in materia Maggioli Editore suggerisce il nuovo volume intitolato Prontuario operativo del nuovo condominio. Il testo si configura alla stregua di un prontuario idoneo a conferire una panoramica accurata sulle vaste problematiche inerenti alla disciplina del nuovo condominio con l’obiettivo principale di delineare con chiarezza l’attuale quadro complessivo, come scaturito dopo la riforma, dando forma coerente allo stato della relativa evoluzione giurisprudenziale.

La strutturazione in ordine alfabetico, con 85 voci e oltre 110 sottovoci, ne fa uno strumento agile e snello per una immediata lettura dei vari argomenti, coordinati tra loro in forma sistematica in modo da costituire un complesso organico per una efficace visione del tema cercato.

Il prontuario, scritto dall’avvocato Giuseppe Maraldo, si rivolge (oltre che ad amministratori di condominio e a giuristi) a tutti i vari operatori dello specifico settore e ed anche ai condòmini più avveduti che desiderino avere una prima generale informazione in materia.

Prontuario Operativo del nuovo condominio

Prontuario Operativo del nuovo condominio

Giuseppe Marando, 2015, Maggioli Editore
Il “prontuario” è un panorama sulla vasta problematica del nuovo condominio, volto a delinearne l’attuale quadro complessivo, quale scaturito dopo la riforma condominiale del 2012, ed a rappresentare lo stato della relativa evoluzione giurisprudenziale. La...

36,00 € 32,40 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

50 casi risolti del condominio dopo la riforma

50 casi risolti del condominio dopo la riforma

Giuseppe Bordolli, 2015, Maggioli Editore

Questo e-book vuole essere uno strumento di lavoro pratico ed essenziale per ogni operatore del settore, compresi i frequentatori dei corsi obbligatori previsti dalla legge per la formazione, iniziale o periodica, degli amministratori. 

In...

9,90 € 8,91 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento