Ingegneria, report OICE

Freccia verde verso l’alto per quello che concerne la produzione in ingegneria: cresce infatti del 2% la produzione delle società di ingegneria nel 2014, in parallelo con un aumento dell’occupazione del 2,6%.

Sono dati che affiorano dalla trentunesima edizione della Rilevazione annuale sulle società di ingegneria italiane, curata dall’OICE con la collaborazione del Cer (Centro Europa ricerche).

Dati positivi che delineano anche una stima di crescita del 3,9% per il 2015, con il traino forte dei contratti stipulati con clienti privati. Il 2014 ha messo in evidenza i seguenti  dati: il valore della produzione delle società di ingegneria sterza al positivo con un +2% rispetto al 2013 (che si era chiuso con un -3,7%). L’importo totale è pari a 1,26 miliardi, in linea con le stime dell’anno scorso che parlavano di una crescita del 2,3%.

In evidente aumento la produzione estera che registra un incremento del 15%, così come positivi sono i dati relativi ai contratti acquisiti nel 2014 (+10,7%), con una previsione per il 2015 di piccolo aumento (0,6%). La rilevazione OICE-Cer pone inoltre sotto i riflettori come la chiave per superare la crisi sia rappresentata soprattutto dalla penetrazione sui mercati esteri: i contratti all’estero sono infatti in aumento del 14% nel 2014 e del 17% come stima del 2015.

Leggi anche l’articolo Il DDL Concorrenza innesca la guerra tra STP e Società di Ingegneria.

Le note dolenti tuttavia non mancano: prima fra tutte quella relativa alla “piaga” dei ritardati pagamenti. Molte società percepiscono tale fenomeno in serio peggioramento rispetto all’anno precedente, segno evidente che la crisi economica miete ancora le sue vittime, nonostante il momento peggiore sembrerebbe essere passato.

Illuminanti a livello complessivo sono le parole di Patrizia Lotti, presidente OICE: “La situazione entro cui si muovono gli associati OICE a livello generale è ancora critica, cominciano tuttavia a percepirsi segnali di inversione di tendenza. Il report anche quest’anno conferma che le strategie di internazionalizzazione, perseguite dall’OICE da diversi anni, e di crescita dimensionale sono quelle che maggiormente possono contribuire al riposizionamento delle nostre società sui diversi mercati, puntando soprattutto sulla diversificazione dei mercati stessi”.

per ulteriori informazioni fresche in materia leggi l’articolo Società di ingegneria fuori dal settore privato: cosi vanno le cose, così devono andare.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento