Super DIA

Semplificazioni in edilizia, un altro passaggio fondamentale è stato appena completato: sono appena giunti a termine infatti i lavori del tavolo di semplificazione istituito presso il ministero della Pubblica Amministrazione relativi al modello unico per la Super DIA, la DIA alternativa al permesso di costruire. Dopo la semplificazione e standardizzazione dei modelli relativi a CIL, CILA, SCIA e permesso di costruire, giunge a completamento anche il percorso relativo alla super DIA.

Leggi anche l’articolo Semplificazioni in edilizia: arriva l’ok ai modelli per CIL e CILA.

L’Agenda per la semplificazione redatta alla fine dello scorso anno dal Governo con il prezioso contributo di Comuni e Regioni mette a segno un altro importante risultato.

Il percorso decisionale e i tempi
Ma cosa accadrà ora a livello operativo? Il testo dell’accordo tra Regioni, enti locali, ANCI e Upi è già stato trasmesso alla Conferenza Unificata per la ratifica. Il testo non è ancora stato messo all’ordine del giorno, ma i tecnici ministeriali assicurano che sarà calendarizzato nella prima seduta utile. La ratifica avverrà senza il rischio di imprevisti dell’ultim’ora, dal momento che l’accordo esiste già. A partire da quel momento le Regioni avranno 90 giorni per recepire le indicazioni contenute nel documento.

Che cos’è la Super DIA
La Super DIA è uno strumento che può essere utilizzato in via alternativa al permesso di costruire per gli interventi edilizi di cui al comma 3 dell’art. 22 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380: nuove costruzioni, ristrutturazioni edilizie pesanti, ristrutturazioni urbanistiche. Una vera e propria via di mezzo tra SCIA e permesso di costruire. Non tutte le Regioni italiane annoverano la super DIA tra gli strumenti previsti (Emilia Romagna e Toscana le realtà più rilevanti in questo senso) ma in alcune, come le Lombardia, è un mezzo molto utilizzato. In tale ambito regionale la novità rivestirà pertanto grande importanza.

Leggi anche Super DIA, i poteri di inibizione della PA.

Il percorso di semplificazione
Il lungo sentiero della semplificazione degli adempimenti in edilizia si configura come un momento di estremo rilievo per il settore: gli infiniti tempi burocratici per il rilascio dei titoli perpetuano, senza dubbio alcuno, quelle situazioni di inefficienza, incertezza dei tempi e pernicioso incremento dei costi a carico di imprese e cittadini.

Proprio per questo motivo anche da parte del Governo è giunto lo sforzo per portare a termine tale processo: un percorso strategico che, secondo gli ultimi rilievi effettuati dal dipartimento della Funzione Pubblica, dovrebbe condurre ad immediati (e cospicui) risparmi.  Ammonterebbero infatti a circa 4 miliardi di euro i costi extra complessivi all’anno causati dai farraginosi meccanismi burocratici esistenti attualmente in edilizia. Una cifra che rende davvero l’idea di quanto un razionale percorso di snellimento e  semplificazione procedurale possa fare bene al nostro paese.

La DIA in edilizia

La DIA in edilizia

Mario Di Nicola, 2015, Maggioli Editore

Con la legge 11 novembre 2014, n. 164, di conversione, con modificazioni, del decreto legge 12 settembre 2014, n. 133 “Decreto sblocca Italia”, sono state apportate sostanziali modifiche alla Denuncia di inizio attività, di cui all’articolo 22, del...

29,00 € 26,10 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento