Come è ormai noto dal 31 marzo 2015 chiunque lavori per gli enti pubblici è obbligato ad emettere fattura elettronica all’ufficio di riferimento della PA al fine di essere pagato per le prestazioni svolte.

Tale cambiamento rappresenta per molti professionisti un elemento di criticità vista la novità e la complessità del processo e delle situazioni possibili, soprattutto per chi ha poca dimestichezza con l’argomento e poco tempo a disposizione.

Per guidare professionisti e PMI che devono emettere fattura elettronica alla PA , Indicom eDocument Care Srl ha lanciato un servizio facile da utilizzare, sicuro e a costo zero per tutto il 2015: www.fatturafacile.com.

Il servizio è stato pensato per semplificare il più possibile il processo di fatturazione elettronica alla PA, non rinunciando a economicità e sicurezza.

Non servirà, infatti, installare alcun software ne affrontare costi di attivazione o configurazione, il canone annuo è gratis per tutto il 2015 e comprende l’invio di un certo numero di fatture a seconda del pacchetto scelto.

Vediamo un breve riepilogo delle caratteristiche dell’innovativo servizio:

1. È gratis per tutto il 2015: inserendo il codice promo “costozero” il canone annuo è pari a zero.

2. Copre tutte le fasi della fatturazione elettronica PA: compilazione della fattura, generazione del file XML conforme, firma digitale, invio alla Pubblica Amministrazione e conservazione a norma per 10 anni.

3. Nessun software da installare: compila online o invia la fattura nel formato che preferisci.

4. Strumento di compilazione guidata dedicato sul portale operativo online.

5. Pacchetti di fatture aggiuntive adatti a tutte le esigenze.

6. Conservazione a norma per 10 anni compresa nel prezzo.

7. Assistenza multicanale dedicata tramite numero verde, chat, Skype ed email.

Fattura elettronica PA
Fattura elettronica PA: FatturaFacile.com propone tre pacchetti differenziati

Le soluzioni offerte da FatturaFacile.com per rispondere a tutte le esigenze sono tre:

PACCHETTO 1 – Tu compili e noi firmiamo
Compila la tua fattura sul portale online e i nostri operatori qualificati penseranno a tutto il resto: firma digitale per conto del cliente, invio alla PA e conservazione a norma delle fatture per 10 anni.

PACCHETTO 2 – Compili e firmi tu
Compila la tua fattura sul portale e potrai apporre la tua firma digitale. Ad invio alla PA e conservazione a norma per 10 anni delle fatture penseranno i nostri operatori qualificati.

PACCHETTO 3 – Pensiamo a tutto noi
Invia la tua fattura sul portale in qualsiasi formato e con un semplice click: a compilazione, firma digitale e conservazione a norma delle fatture per 10 anni penseranno i nostri operatori qualificati.

I pacchetti sono acquistabili gratis inserendo il codice promozionale “costozero” a questo link  .

Grazie a FatturaFacile.com potrete inviare la fattura all’ufficio destinatario della Pubblica Amministrazione in pochi semplici click, con la possibilità di consultare lo stato dei propri documenti e le notifiche associate in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo su un intuitivo portale online. E per qualsiasi dubbio o problematica, l’assistenza multicanale di fatturafacile.com sarà a disposizione dei clienti con diverse modalità.

Inoltre FatturaFacile.com sta aprendo centri autorizzati per la fatturazione elettronica in tutta Italia. Diventare nostro partner è semplicissimo, a costo zero e possibile per qualsiasi tipo di attività commerciale: il centro raccoglierà semplicemente le fatture e le inoltrerà a FatturaFacile via email, che si occuperà di tutto il processo.

Per richiedere maggiori informazioni sul servizio o per una personalizzazione dell’offerta nel caso di un numero di fatture elevato, è possibile scrivere all’indirizzo commerciale@fatturafacile.com oppure visitare i siti web fatturafacile.com e indicom.biz

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

  1. Domanda: leggevo sul sito di Archiva Group che se si utilizza il regime di fatturazione elettronica anche tra privati si potrà beneficiare di alcune agevolazioni. ciò vale anche per chi è nel regime dei minimi? Qualcuno ne sa qualcosa?

Scrivi un commento