condominio

Le gronde, i doccioni e i “canali di scarico” delle acque meteoriche del lastrico di proprietà esclusiva di un condomino costituiscono bene comune?

Tali elementi architettonici all’interno di uno stabile condominiale costituiscono bene comune, dal momento che, svolgendo una funzione necessaria all’uso comune (in quanto “servono all’uso e al godimento comune”), ricadono tra i beni che l’articolo 1117 c.c. (recante rubrica “Parti comuni dell’Edificio”) include tra le parti comuni dell’edificio.

Sia nel caso in cui la copertura del fabbricato sia costituita da tetto a falda che nella circostanza in cui tale scopo sia raggiunto mediante un lastrico di proprietà esclusiva (capace di assolvere anche la funzione di copertura di parte del fabbricato) rimane comunque indispensabile l’esistenza delle gronde per raccogliere e smaltire le acque piovane. Le gronde convogliano le acque meteoriche dalla sommità dell’edificio fino a terra o a scarichi fognari e svolgono pertanto una funzione che prescinde dal regime proprietario del terrazzo di copertura, salva anche la facoltà di un uso più intenso che, compatibilmente con il disposto dell’articolo 1102 codice civile, possa farne il proprietario del terrazzo stesso per suoi usi.

Rimanendo in tema di disciplina del condominio leggi anche il recente articolo intitolato Condominio: suggerimenti in caso di impianto di riscaldamento inefficiente.

La proprietà esclusiva del lastrico o terrazzo dal quale provengano le acque che si immettono nei canali non è comunque capace di modificare tale regime, poiché l’articolo 1126 c.c. (“Lastrici solari di uso esclusivo”) disciplina soltanto le riparazioni o ricostruzioni del lastrico propriamente inteso e non di altre parti dell’immobile, la cui esistenza è, secondo la legge, indipendente da quella del lastrico, salvo che risulti espressamente dal titolo. In tale direzione non è nemmeno consentita un’interpretazione che per analogia sia in grado di estendere il regime dei costi di riparazione stabilito in via eccezionale dal suddetto art. 1126.

Gronde, doccioni e canali di scarico delle acque meteoriche costituiscono pertanto a tutti gli effetti bene comune del condominio, anche nel caso in cui si innestino su un lastrico di proprietà esclusiva di un condomino.

Per chiarimenti di questi tipo in materia di disciplina condominiale Maggioli Editore consiglia il nuovo e-book 50 casi risolti del condominio dopo la riforma, un testo che si configura alla stregua di uno strumento di lavoro pratico ed essenziale per ogni operatore del settore, compresi i frequentatori dei corsi obbligatori previsti dalla legge per la formazione, iniziale o periodica, degli amministratori. All’interno dell’e-book trova alloggio una variegata analisi di casi particolari in materia di condominio (dalle parti comuni alla disciplina dell’assemblea passando per gli impianti) nell’evidente ottica di suggerire le possibili soluzioni alle problematiche di maggior rilievo che si possono verificare nella vita condominiale, dall’analisi degli orientamenti giurisprudenziali alle valutazioni di dottrina.

50 casi risolti del condominio dopo la riforma

50 casi risolti del condominio dopo la riforma

Giuseppe Bordolli, 2015, Maggioli Editore

Questo e-book vuole essere uno strumento di lavoro pratico ed essenziale per ogni operatore del settore, compresi i frequentatori dei corsi obbligatori previsti dalla legge per la formazione, iniziale o periodica, degli amministratori. 

In...

9,90 € 8,91 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

 

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento