Sicurezza cantieri

Sono state emesse nel corso della settimana le linee guida relative ai criteri di vigilanza ispettiva per il 2015. I lineamenti direttivi sono custoditi all’interno del documento di programmazione del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali: la previsione auspicata è quella è quella di sottoporre a verifica almeno 132mila aziende, ripartite su base regionale, tenendo conto delle caratteristiche specifiche dei fenomeni di irregolarità emergenti nei diversi ambiti locali. Una ripartizione per singole aree geografiche, quest’ultima, preferita alla recente riorganizzazione delle strutture territoriali dello stesso ministero, decisa con il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 14 febbraio 2015.

Sulla base di tali fondamenta, i controlli più numerosi saranno effettuati nella Regione Puglia (oltre 13mila nei piani), seguita da Lombardia e Lazio.

È evidente come l’attività ispettiva non potrà non interessare con grande attenzione il settore edile, settore all’interno del quale il ministero conserva ancora titolarità d’intervento insieme alle ASL. In questo settore l’attività ispettiva dovrà perseguire i seguenti ineludibili obiettivi:
1. Riduzione degli infortuni;
2. Miglioramento del coordinamento con gli altri organi di vigilanza (per quanto le ASL spesso non appaiano disponibili);
3. Sviluppo di modelli innovativi di controllo dei cantieri mediante una azione preliminare di intelligence;
4. Verifica degli obblighi di sorveglianza sanitaria;
5.
 Rispetto degli obblighi relativi al corretto utilizzo di attrezzature ed impianti.

La scorsa settimana proprio su queste pagine ci siamo soffermati sull’importanza delle certificazioni volontarie e della legislazione proattiva per implementare un più alto livello di sicurezza sui luoghi di lavoro, con particolare attenzione ai cantieri edili, ambienti di lavoro troppo spesso colpiti da infortuni. A tal riguardo consigliamo di leggere l’articolo intitolato Sicurezza cantieri, ridurre gli infortuni conviene: ecco perché per approfondire l’importante tema.

In materia di sicurezza a 360 gradi Maggioli Editore presenta la rivista Progetto Sicurezza, il bimestrale dedicato alle tecniche della prevenzione e protezione per amministratori e tecnici dei settori pubblico e privato. Uno strumento sempre aggiornato sulle ultime novità in materia di sicurezza, con l’aggiunta dii preziosi contributi dottrinali e pratico-operativi forniti da prestigiosi autori. Clicca qui per avere maggiori informazioni.

La sicurezza nel cantiere

La sicurezza nel cantiere

Danilo G.M. De Filippo, 2012, Maggioli Editore

È stato detto, a più riprese, che il cantiere temporaneo o mobile, per effetto della sua natura continuamente variabile ed influenzabile da molteplici fattori esterni è, probabilmente, uno degli ambienti di lavoro tra i più complessi e pericolosi.
In pochi altri...

29,00 € 26,10 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento