Veduta aerea dell'ex polo logistico di Mirafiori a Torino

La riqualificazione dell’ex polo logistico di Mirafiori accende la fantasia di architetti ed urbanisti che hanno già aderito in massa al bando per il concorso internazionale di idee lanciato da TNE, Torino Nuova Economia, e sostenuto dalla Città metropolitana di Torino e dalla Regione Piemonte.

Sono già 800, infatti, i professionisti tecnici, italiani e stranieri, che hanno manifestato la propria intenzione di partecipare al concorso per la riqualificazione dell’ex area logistica di corso Settembrini.

La vista sul fronte di via Settembrini del Capannone ex DAI di Mirafiori
La vista sul fronte di via Settembrini del Capannone ex DAI di Mirafiori

Si tratta di architetti e professionisti delle riqualificazioni urbane da tutto il mondo che hanno visitato il sito concorsomirafiori.it. Oltre agli italiani, molti spagnoli, francesi, tedeschi, inglesi, olandesi, portoghesi, con picchi anche dal sud America (Brasile in prima fila, con Uruguay, Cile, Venezuela, Perù) e Stati Uniti. Non sono mancate visite dal Giappone, Cina,  Malesia, Sud Corea Israele e Iran.

Obiettivo del concorso di idee è di individuare la migliore proposta possibile per l’utilizzo temporaneo del fabbricato che si affaccia su via Settembrini, chiamato ‘ex DAI’ e utilizzato come base logistica dalla Fiat fino al 2005.

Il capannone ex DAI sul fronte ex gommatura
Il capannone ex DAI sul fronte ex gommatura

Si tratta di un’area già parzialmente recuperata, grazie alla presenza del Centro del Design. L’ex polo logistico della Fiat è una struttura di quasi 4 ettari di superficie (37.000 metri quadri) con campate fino a 12 metri di altezza e sostenuto da strutture metalliche con una straordinaria luce naturale.

Riqualificazione urbana, già 800 Architetti per il bando Mirafiori
Una vista dell’interno dei capannoni dell’ex polo logistico Mirafiori

Il bando è aperto fino al 22 giugno 2015: tutte le proposte saranno vagliate da una giuria di livello, composta da architetti, urbanisti, imprenditori e istituzioni. Saranno selezionati 8 finalisti, premiati pubblicamente il 3 luglio, con compensi dai 2 a 10 mila euro. Tutti i progetti presentati saranno esposti in una mostra collettiva all’interno della struttura a partire dal 30 giugno, nell’ambito di un calendario di eventi culturali, sportivi, cinematografici e musicali aperto al quartiere e alla città fino al 5 luglio.

Il concorso non finisce qua. Gli otto finalisti saranno infatti invitati a partecipare ad una ulteriore procedura, con criteri determinati dalle proposte presentate e dal contesto socio economico emerso, il cui obiettivo è di affidare un incarico di studio di prefattibilità per il riuso del capannone ex DAI.

Ripensare il costruito

Ripensare il costruito

Manuela Grecchi, Laura Elisabetta Malighetti, 2008, Maggioli Editore

Il libro affronta il tema del recupero e della funzionalizzazione del costruito. Il testo si articola in due parti: la prima di tipo metodologico sviluppa una conoscenza critica delle problematiche e delle metodologie di sviluppo del progetto negli interventi di recupero...

59,00 € 53,10 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Addensamenti creativi, trasformazioni urbane e fuorisalone

Addensamenti creativi, trasformazioni urbane e fuorisalone

Bruzzese Antonella, 2015, Maggioli Editore

In che modo le attività produttive legate al campo, variegato e a volte sfuggente, delle “indu-strie culturali e creative” si concentrano in particolari zone della città caratterizzandole, trasformandole e contribuendo a promuovere nuove...

20,00 € 18,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento