Revisione norme tecniche per le costruzioni: le azioni di neve, vento e temperatura

Prosegue con il terzo appuntamento la nostra rubrica, curata dall’ing. Nicola Mordà, di avvicinamento alle nuove norme tecniche per le costruzioni, con l’analisi del testo della revisione delle NTC operato dal Consiglio superiore dei lavori pubblici a novembre 2014 e ora in fase di discussione presso i Ministeri competenti.

Il tema di questo approfondimento sono le “altre azioni” operanti sulle costruzioni, quindi l’azione del vento, quello dei carichi da neve e quello della temperatura (con esclusione dell’antincendio. Ricordiamo che tutti gli articoli di commento possono essere consultati nel nostro Dossier speciale Revisione delle norme tecniche per le costruzioni (M.F.)

La versione 2014 delle NTC introduce alcune novità a livello di azioni da considerare nella progettazione strutturale.

In particolare son trattate in modo più puntuale le seguenti classi
‐ Azioni indotte dalla temperatura (§3.5, escluso l’incendio cui è dedicato il §3.6.1)
‐ Variazioni del carico neve in alcune province (§3.3).
‐ Nuove definizioni per l’azione del vento (§3.4).

Effetti della temperatura

Può capitare di dover affrontare il tema delle sollecitazioni originate in elementi strutturali dalla variazione di temperatura: un esempio può essere lo stoccaggio di liquidi o materie incoerente a temperatura significativamente diversa da quella dell’aria.

In questi casi il gradiente termico sulle diverse facce della struttura generare delle dilatazioni che
cimentano la struttura (cfr. ad esempio il §3.5.6 per altri esempi).

Il territorio italiano è suddiviso, come per vento e neve, in zone termiche e per ognuna di esse sono definiti due valori di temperatura Tmax e Tmin per La temperatura dell’aria esterna, Test (°C):

Test = [Tmin ; Tmax]

Esse rappresentano rispettivamente la temperatura minima invernale e massima estiva e dell’aria nel sito della costruzione, con riferimento ad un periodo di ritorno di 50 anni.

In assenza di specifici dati statistici la norma definisce un legame funzionale tra la quota topografica a(s) (in m) del sito e la temperatura dell’aria del tipo seguente:

Tmin = A1‐B1*a(s)/1000
Tmax = A2‐B2*a(s)/1000

Leggi in formato PDF l’articolo sulle azioni di vento, neve e temperatura nella revisione delle norme tecniche per le costruzioni

Adeguamento sismico: obblighi e opportunità

Adeguamento sismico: obblighi e opportunità

Duma Marco Quirino, Mordà Nicola, 2014, Maggioli Editore

Il patrimonio edilizio esistente presenta, in percentuale notevole, una "anzianità di servizio" che spesso rende incompatibili i sistemi strutturali esistenti con gli attuali scenari di carico. Il recente disposto normativo della Legge 90/2013 prevede un sistema di...

30,00 € 19,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Progettazione esecutiva di strutture miste in zona sismica

Progettazione esecutiva di strutture miste in zona sismica

Giuseppe Albano, 2013, Maggioli Editore

Nel campo professionale dell'ingegneria strutturale e antisismica trovano molto spazio le opere trattate in questo volume, strutture miste, in quanto l'Italia degli anni 60, 70 ed 80 era molto poco attenta alla tipologia costruttiva singola, bensì si usava tantissimo...

42,00 € 37,80 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento