Revisione delle norme tecniche per le costruzioni: le azioni sismiche

Prosegue il nostro  ciclo di approfondimenti dedicati al testo di revisione delle norme tecniche delle costruzioni nella versione di novembre 2014, licenziata dal Consiglio superiore dei Lavori pubblici. In questo articolo, l’ing. Nicola Mordà analizza le azioni sismiche (M.F.)

Nella revisione delle norme tecniche delle costruzioni le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione.

Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico, è lo scuotimento del suolo atteso in un dato sito con una certa probabilità di eccedenza in un dato intervallo di tempo, ovvero la probabilità che un certo valore di scuotimento si verifichi in un dato intervallo di tempo.

La pericolosità sismica di base calcola (generalmente in maniera probabilistica), per una certa regione e in un determinato periodo di tempo, i valori di parametri corrispondenti a prefissate probabilità di eccedenza.

Tali parametri (velocità, accelerazione, intensità, ordinate spettrali) descrivono lo scuotimento prodotto dal terremoto in condizioni di suolo rigido e senza irregolarità morfologiche (terremoto di riferimento).

SL/Tipo Definizione
Stato Limite di Operatività (SLO) A seguito del terremoto la costruzione nel suo complesso, includendo gli elementi strutturali, quelli non strutturali, le apparecchiature rilevanti alla sua funzione, non deve subire danni ed interruzioni d’uso significativi.
SLE
Stato Limite di Danno (SLD) A seguito del terremoto la costruzione nel suo complesso, includendo gli elementi strutturali, quelli non strutturali, le apparecchiature rilevanti alla sua funzione, subisce danni tali da non mettere a rischio gli utenti e da non compromettere significativamente la capacità di resistenza e di rigidezza nei confronti delle azioni verticali ed orizzontali, mantenendosi immediatamente utilizzabile pur nell’interruzione d’uso di parte delle apparecchiature.
SLE
Stato Limite di salvaguardia della Vita (SLV) A seguito del terremoto la costruzione subisce rotture e crolli dei componenti non strutturali ed impiantistici e significativi danni dei componenti strutturali cui si associa una perdita significativa di rigidezza nei confronti delle azioni orizzontali; la costruzione conserva invece una parte della resistenza e rigidezza per azioni verticali e un margine di sicurezza nei confronti del collasso per azioni sismiche orizzontali.
SLU
Stato Limite di prevenzione del Collasso (SLC) A seguito del terremoto la costruzione subisce gravi rotture e crolli dei componenti non strutturali ed impiantistici e danni molto gravi dei componenti strutturali; la costruzione conserva ancora un margine di sicurezza per azioni verticali ed un esiguo margine di sicurezza nei confronti del collasso per azioni orizzontali.
SLU

Continua a leggere Revisione delle norme tecniche delle costruzioni: le azioni sismiche in formato PDF.

Per informazioni ancora più approfondite consulta il Dossier sulle nuove NTC 2015

Adeguamento sismico: obblighi e opportunità

Adeguamento sismico: obblighi e opportunità

Duma Marco Quirino, Mordà Nicola, 2014, Maggioli Editore

Il patrimonio edilizio esistente presenta, in percentuale notevole, una "anzianità di servizio" che spesso rende incompatibili i sistemi strutturali esistenti con gli attuali scenari di carico. Il recente disposto normativo della Legge 90/2013 prevede un sistema di...

30,00 € 19,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Progettazione esecutiva di strutture miste in zona sismica

Progettazione esecutiva di strutture miste in zona sismica

Giuseppe Albano, 2013, Maggioli Editore

Nel campo professionale dell'ingegneria strutturale e antisismica trovano molto spazio le opere trattate in questo volume, strutture miste, in quanto l'Italia degli anni 60, 70 ed 80 era molto poco attenta alla tipologia costruttiva singola, bensì si usava tantissimo...

42,00 € 37,80 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento