Maggioli Editore


Amianto, il datore di lavoro deve adottare ulteriori misure preventive

Amianto

Il delicato tema delle morti da amianto torna sulle prime pagine dei giornali alla luce del deposito (avvenuto questa settimana) della sentenza 11128/15 della Cassazione Penale, IV sezione. Nella sentenza viene confermata la linea del rigore in materia: infatti, con riferimento al datore di lavoro, al fine di evitare la condanna per omicidio colposo non basta che quest’ultimo si sia adeguato alle norme preventive vigenti dell’epoca dei fatti. Sono infatti richieste “ulteriori misure preventive” idonee a salvaguardare la salute del lavoratore.

La sentenza qui citata riguarda il ricorso di 5 ex dirigenti dello stabilimento di Palermo della Fincantieri-Cantieri Navali Italiani spa.

Nelle sentenze di merito di primo e secondo grado (risalenti al 2010 e al 2012) e relative a fatti avvenuti molti anni fa (come accade di consueto per le patologie legate all’amianto) i giudici avevano accertato la responsabilità omissiva degli imputati per 43 decessi e per 19 casi di lesioni personali gravi o gravissime. Tra le questioni sollevate dalla difesa nel giudizio di legittimità, emergevano l’alternatività della causa (secondo cui l’innesco della patologia sarebbe stato possibile anche in ambito extra-lavorativo con esposizione a basse dosi e per l’abitudine al fumo di sigaretta) e la questione del momento esatto dell’insorgenza della malattia, da individuare nella comparsa della prima cellula cancerosa.

Su entrambi i punti la Cassazione non ha avuto esitazioni, posizionandosi all’interno del percorso di una giurisprudenza consolidata: “Le patologie tumorali (sia il carcinoma polmonare che il mesotelioma) devono considerarsi dose-correlate nel senso che il loro sviluppo, in termini di rapidità e gravità, appare condizionato dalla quantità di sostanza cancerogena inalata dal soggetto”. Pertanto non è dirimente individuare la “dose innescante” quanto le esposizioni successive che, in sostanza, accorciano la latenza della malattia portandola agli esiti infausti del suo normale decorso.

Va sottolineato a tal riguardo che le polveri contenenti fibre d’amianto, respirate, possono causare gravi patologie, l’asbestosi per importanti esposizioni, tumori della pleura (il mesotelioma pleurico) ed il carcinoma polmonare.

Rimanendo in tema consulta anche l’articolo Bonifica Amianto: dal Ministero dell’Ambiente 135 milioni in 3 anni.

Per ciò che concerne il nesso di causalità tra omessa adozione di misure protettive idonee e il decesso del lavoratore, la Corte evidenzia che questo sussiste ogni volta che deve ritenersi prevedibile che la condotta doverosa (ovverosia l’adozione di misure di protezione) “avrebbe potuto incidere positivamente anche solo sul tempo di latenza”.

Per approfondire questo delicato tema Maggioli Editore suggerisce il volume Amianto: responsabilità civile e penale e risarcimento danni. All’interno si approfondisce anche il tema della responsabilità penale dei soggetti coinvolti nelle vicende da amianto prendendo spunto dai recenti fatti di cronaca giudiziaria ed dalle indagini istruttorie che caratterizzano un processo per omicidio da amianto. Attraverso la giurisprudenza e le indagini scientifiche, il volume si configura come uno strumento di ausilio per il professionista che si trova a dover trattare forme di risarcimento dei danni da amianto.

73b934804089987177e80fda9a9bded6 sh Amianto, il datore di lavoro deve adottare ulteriori misure preventive

Amianto: responsabilità civile e penale e risarcimento danni


Angela Quatraro, Marco Bona, Monica Cucci, Domenico Ghio, Vanesa Gregorc, Filippo Martini, Nicola Murgia, Giampiero Rossi, Luigi Isolabella, Cinzia Altomare , 2012, Maggioli Editore

L'opera, oltre all'aggiornamento delle novità sotto il profilo civilistico della responsabilità, è stata completata con l'aggiunta di due nuovi ed importanti contributi giuridici.
Il primo attiene alla datazione della CONOSCENZA e della CONOSCIBILITÀ dei RISCHI occupazionali ed...


54,00 € 48,60 € Acquista

su www.maggiolieditore.it



Articolo pubblicato il 19/03/2015 in GUIDAMBIENTE SICUREZZA
Tags ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Box doccia al posto della vasca da bagno: posso detrarre?

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito