Catasto digitale

Al via la sinergia tra professionisti tecnici e Agenzia delle Entrate per raggiungere la frontiera del catasto digitale. A dichiararlo ufficialmente è stato ieri il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi: “Entro giugno sarà varato un provvedimento per cui il DOCFA, il catasto dei fabbricati, sarà solo online: già ora il 75% delle comunicazioni sono online vogliamo arrivare al 100% anche perché sono pratiche che fanno i professionisti”.

La dichiarazione è giunta nel convegno “Catasto digitale: semplice veloce e trasparente” (organizzato dall’Agenzia delle Entrate, dagli Ordini di Ingegneri e Architetti della Provincia di Roma)  svoltosi nella mattinata di ieri a Roma. Nei fatti, a partire dal prossimo mese di giugno, gli atti di aggiornamento catastali dovranno essere inviati dai professionisti iscritti con procedura telematica.

La novità esplicitata dal direttore Orlandi è stata disposta mediante un provvedimento direttoriale, il prot. 2015/35112 (scaricalo qui), destinato al potenziamento dell’informatizzazione dell’amministrazione finanziaria: tale procedura  diventerà appunto obbligatoria a decorrere dal prossimo 1° giugno. Ad usufruirne saranno i professionisti iscritti negli ordini e/o collegi professionali, utilizzando le modalità indicate con il provvedimento del Territorio del 22 marzo 2005. Si tratta, essenzialmente e tra le altre, delle dichiarazioni per l’accertamento delle unità immobiliari, delle dichiarazioni di variazione dello stato, della consistenza e della destinazione di unità immobiliari già censite e delle dichiarazioni di immobili non produttivi di reddito urbano.

La creazione di un catasto digitale – ha sottolineato nel corso del convegno romano il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, rivolgendosi alla platea dei professionisti –  è un lungo percorso che ci ha visti e ci vede protagonisti, per favorire la modernizzazione del procedimento amministrativo aumentando il livello di compartecipazione e di trasparenza. Mi auguro, quindi, che la nostra collaborazione sia costante e fattiva, perché il confronto e il dialogo permettono di perseguire le soluzioni più idonee per un fisco equo e giusto”.

Consulta la nostra Pagina speciale sulla Riforma del Catasto.

Nel corso del convegno Franco Maggio, direttore centrale Catasto e Cartografia, e Carla Belfiore, direttore regionale del Lazio hanno presentato gli strumenti digitali adottati e gli strumenti formativi destinati ai professionisti per favorire il passaggio alla completa informatizzazione dei servizi.

“Il lavoro comune fra architetti, ingegneri, geometri e rappresentanti dell’Agenzia delle Entrate che abbiamo svolto nel Lazio – ha spiegato Fabrizio Pistolesi, consigliere dell’Ordine degli Architetti di Roma e provincia – ha portato a definire le prassi più efficaci per rendere il catasto e le sue procedure più efficienti e ci consente oggi di mirare meglio la formazione specifica dei professionisti con notevoli vantaggi sul piano dei tempi e della riduzione degli errori“.

Leggi anche l’articolo Equità fiscale: obiettivo possibile o utopia per la riforma del catasto?

In chiusura, ecco una dichiarazione di Carla Cappiello, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Roma: “Giornate come questa sono importanti momenti di formazione e di scambio di informazioni tra professionisti di ogni ambito che possono dare il supporto all’informatizzazione delle procedure tramite la propria e quotidiana esperienza lavorativa” .

La riforma del catasto fabbricati

La riforma del catasto fabbricati

Antonio Iovine, 2014, Maggioli Editore

Finalmente, dopo circa 21 anni, con l'approvazione della legge per la riforma del catasto urbano, contestualmente alla delega fiscale, si ripresenta al Paese una opportunità da non perdere per intervenire radicalmente nel settore...

34,00 € 30,60 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento