Iniziamo il 2015 col botto: per la prima tappa dell’anno del Road Show Edifici 2020 Edifici a energia quasi zero in ambiente Mediterraneo, a Treviso il 27 marzo, i posti disponibili sono terminati. Oltre 600 i professionisti registrati, e stop alle iscrizioni. Il tour itinerante organizzato in collaborazione con ANDIL continua quindi ad avere successo. Grande attenzione per il convegno in cui i maggiori esperti di Edifici a energia quasi zero si confronteranno con la platea per indicare i problemi e fornire soluzioni adatte ad affrontare la sfida dell’efficienza energetica e della riqualificazione del nostro patrimonio edilizio. Dopo l’appuntamento di Treviso, il Road Show proseguirà con altre tre tappe per il 2015: L’Aquila, Bergamo, Asti. Clicca qui per avere tutte le informazioni.

Scarica il volantino Road Show Edifici 2020 Edifici a energia quasi zero, tappa di Treviso.

Sulla scorta dell’emanazione imminente dei nuovi decreti normativi sull’efficienza energetica, riparte il tour “Edifici a energia quasi zero verso il 2020”. Lo scorso anno, infatti, Edifici2020 ha registrato uno straordinario successo di pubblico, riscuotendo grande interesse da parte dei professionisti di settore. In 10 mesi di tour dell’edizione 2014 ovunque sono state coinvolti 14 aziende, 4.000 iscritti, più di 600 partecipanti per ogni tappa. Il nuovo tour di convegni sul tema Edifici a energia quasi zero del 2015 attraverserà l’Italia con 4 nuove tappe, la prima delle quali a Treviso, il 27 marzo, ma è già sold out!

L’iniziativa Edifici2020 Edifici a energia quasi zero mira a sensibilizzare i professionisti sul tema dell’efficientamento energetico del patrimonio edilizio esistente, sia di tipo pubblico che privato, in considerazione dell’obiettivo normativo di avere entro il 2020 un parco di edifici a consumo zero.

L’edizione 2015 è patrocinata da SAIE e supportata da alcune aziende produttrici di laterizio associate ANDIL.

 

Efficienza energetica ed edifici a energia quasi zero: le novità normative

Con i due decreti attuativi della L. 90/2013, relativi ai requisiti minimi degli edifici e alla certificazione energetica, si completa in Italia il recepimento della Direttiva “EPBD2”, dando il via alla “rivoluzione” dell’edificio di riferimento per il calcolo e la quantificazione delle misure di efficienza energetica.

Si tratta di un passaggio fondamentale per il futuro delle costruzioni in Italia, sulla scia del trend, in atto oramai dal 2005, orientato al contenimento dei consumi energetici e delle emissioni climalteranti.Per iscriversi gratuitamente online è sufficiente cliccare su questo link e seguire le istruzioni.

 

Edifici a energia quasi zero in area mediterranea

Le problematiche trattate nel ciclo di incontri della seconda edizione di “Edifici a energia quasi zero verso il 2020” riguardano tanto il piano normativo, che quello tecnico/architettonico.

Dal punto di vista normativo, argomento di discussione sarà il modo in cui superare e/o integrare una legislazione che tende ad adottare modelli di tipo centro nord-europeo, modelli basati sull’idea che il contenimento dei consumi si attui solo con azioni di contenimento delle trasmissioni in periodo invernale. Se nella maggior parte dei Paesi europei il problema principale è quello di riscaldare gli edifici, e il contenimento dei consumi viene preso in considerazione per il periodo invernale, in Italia, caratterizzata in maniera preponderante dal clima Mediterraneo, è preponderante la problematica estiva e i crescenti costi per il raffrescamento.

Sul piano tecnico, saranno trattate:
– le problematiche di adattamento degli edifici esistenti a energia quasi zero in un contesto del nostro clima tipico, ricollegandosi al discorso sopra riportato;
– l’integrazione tra approccio formale e tecnologico.
– l’analisi delle possibili conseguenze indesiderate sul piano della qualità dell’aria degli ambienti confinati.

 

Edifici a energia quasi zero: tutte le tappe del 2015

La sfida che attende il mondo dell’edilizia è quella di promuove sul nostro territorio l’idea di un edificio NZEB (Near Zero Energy Buildings – Edifici a energia quasi zero), capace di coniugare risparmio e salubrità, temi affrontati anche in questa seconda edizione del tour.

I 4 eventi previsti rivolti a imprese, enti pubblici e a tutti i professionisti che operano nel settore dell’edilizia (sono in corso le procedure per riconoscere i Crediti Formativi Professionali ai partecipanti). L’organizzazione scientifica del tour è affidata a docenti universitari e membri di ANCE, ENEA e delle Commissioni UNI e CTI impegnati da anni nella produzione di norme su tali tematiche all’interno di comitati normatori nazionali e internazionali (CTI, UNI e CEN).

Treviso, 27 marzo (posti esauriti)
L’Aquila, 8 maggio clicca qui per iscriverti
Bergamo, 25 giugno clicca qui per iscriverti
Asti, 13 novembre clicca qui per iscriverti

Per tutte le informazioni  sul tour sugli edifici a energia quasi zero, visita Edifici2020.it.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento