Mobilità sostenibile

Trasporti urbani, il passaggio al “green” è ormai ineludibile:  la salvaguardia dell’ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici transitano anche da una effettiva svolta in questo settore, l’unico la cui incidenza su emissioni e consumi energetici ha continuato ad aumentare in Europa nell’ultimo quarto di secolo.

I trasporti
I trasporti
pesano, infatti, per il 25% sulla produzione a livello globale di gas a effetto serra: ad affermarlo è la società di consulenza internazionale Accenture. “È indubbio – spiega Danilo Troncarelli, responsabile sostenibilità della società – che le giuste battaglie per arginare i cambiamenti climatici in atto e per l’indipendenza energetica europea debbano svolgersi anche sul terreno dei trasporti (e non solo sulla produzione di energia o sui consumi termici del residenziale come avvenuto finora). Due gli snodi fondamentali: il trasporto urbano e quello a lunga percorrenza, su strada. Quanto al primo, va considerato che le città hanno purtroppo un ruolo chiave nell’inquinamento globale. Producono fino all’80% delle emissioni del pianeta e il 25-30% di queste è dovuto proprio ai trasporti. Il trasporto su gomma, invece, rappresenta il 72% delle emissioni del totale mobilità e pesa per l’82% dei consumi energetici del comparto. Persino peggiore la situazione in Italia, dove il consumo energetico è pari all’84% e le Ghg (che rappresentano la quota globale di gas a effetto serra) sono al 93%. Una situazione grave, il cui trend va invertito con politiche efficaci”.

Leggi anche l’articolo Mobilità sostenibile, 7 consigli di stile di guida per risparmiare carburante e inquinare meno.

Dematerializzare i trasporti non è fantascienza
Ma quale sarebbe la strada maestra per voltare definitivamente pagina su questo importante tema? “Non bisogna demonizzare l’auto e sarebbero inefficaci interventi singoli o incentivi mirati su un solo segmento (ad esempio le auto elettriche o ibride) – spiega Troncarelli -. È necessaria una visione d’insieme che tenga presente aspetti finanziari, energetici, ambientali e sociali. Le iniziative auspicabili per una svolta green dei trasporti sono una trentina. Di base, servirebbe una massiva introduzione di sistemi digitali e di ubiquitous computing, sia per minimizzare gli spostamenti di merci e persone (la chiamiamo dematerializzazione degli spostamenti), sia per attivare una vera logistica merci intelligente, sia per realizzare un’efficiente intermodalità dei trasporti urbani individuali e collettivi. Punto, quest’ultimo, su cui l’Italia è carente”.

Un dato eloquente in tal senso? La dematerializzazione dei trasporti, ottenuta incentivando la telepresenza al lavoro e gli uffici virtuali, ed una logistica smart (con Tir sempre a pieno carico e con itinerari ottimizzati) farebbero risparmiare entro il 2020, all’interno del territorio dell’Unione europea, 57,3 milioni di tonnellate di anidride carbonica:  equivalenti 27,3 miliardi di euro di spesa energetica. Un dato potenzialmente straordinario.

Sul numero 3 della rivista L’Ufficio Tecnico (appena uscita) la nostra redazione ha intervistato Luca Zingale, direttore scientifico di Solarexpo – The Innovation Cloud sul necessario tema della mobilità elettrica. Se conosci ancora la rivista scoprila sul portale dei periodici Maggioli.

Dall’idea alla realtà
Svolte “smart”, transizioni “verdi”: ma qual è la chiave per rendere tali idee realtà concreta? “La buona notizia – conclude Troncarelli rispondendo a questo interrogativo – è che le tecnologie per una svolta green sono ora disponibili e sempre meno costose. Quella meno buona è che il tema va affrontato con la capacità di gestire un’estrema complessità e un’attività di concertazione rilevante, per coinvolgere tutti gli attori nel cambiamento: la Ue, i governi, le imprese e i cittadini. Il coinvolgimento attivo delle aziende con un forte know-how sui trasporti, sull’energia e sulle tecnologie può fare la differenza. E favorire il cambio di paradigma ormai inevitabile”. Un cambiamento a cui devono contribuire tutti, dalle istituzioni al singolo cittadino.

La mobilità sostenibile in italiaSustainable mobility in Italy

La mobilità sostenibile in italiaSustainable mobility in Italy

Lorenzo Bertuccio, Emanuela Cafarelli, Marianna Rossetti, 2014, Maggioli Editore

Ampi spazi delle nostre città sono oggi dedicati e occupati dal transito e dal parcheggio delle automobili, mentre solo pochi spazi sono disponibili per i mezzi pubblici, le biciclette e i pedoni. In termini reali, ci troviamo di fronte ad una diminuzione della libertà...

15,00 € 13,50 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento