Cittadinanzattiva e FederlegnoArredo Eventi sviluppano un percorso comune sull’importanza di investire sull’edilizia scolastica. Prima tappa a Milano alla fiera dell’edilizia MADE expo.

Un’installazione architettonica rappresentativa di due aule, una “K.O.” e l’altra “O.K.”, per mostrare ai cittadini, in particolar modo alle fasce più giovani, la coesistenza di due facce della scuola italiana. Una inadeguata a livello di attrezzature, manutenzione e barriere architettoniche, e una  antisismica, ecosostenibile, accessibile e digitalizzata. È l’installazione promossa da Cittadinanzattiva e Federlegno Arredo Eventi, per sensibilizzare l’opinione pubblica e le pubbliche amministrazioni, locali, regionali, nazionali, rispetto alle condizioni dell’edilizia scolastica, mostrando le migliori esperienze fin qui realizzate ma anche sottolineando il permanere di situazioni di particolare gravità.

L’obiettivo è quello di  richiamare alla responsabilità di tutti su quanto i comportamenti personali possano incidere sulla piena integrazione delle persone con disabilità, sulla sicurezza all’interno dell’edificio e per fronteggiare i rischi, naturali e non, presenti sia all’interno che sul territorio comunale in cui la scuola è collocata.

Il tour dell’installazione “La mia scuola è” si svilupperà in 8 tappe nelle piazze delle principali città italiane, da aprile a settembre. La prima presentazione sarà a Milano in occasione della fiera MADE expo (18-21 marzo 2015) la più importante manifestazione nazionale dedicata all’edilizia e all’architettura. Con questa iniziativa Federlegno Arredo Eventi (proprietaria del marchio MADE expo) intende promuovere la manifestazione milanese facendo conoscere al grande pubblico le costruzioni in legno, uno dei settori tecnologicamente più avanzati presenti in fiera, e le peculiarità della rassegna.

Queste le tappe: Torino (24-27 aprile), Milano (27 aprile – 4 maggio), Padova (4-11 maggio), Modena (29 maggio – 4 giugno), Spoleto (5-7 giugno), Udine (3-5 luglio), Napoli (11-16 settembre), Roma (17-20 settembre).

“Da oltre dieci anni teniamo alta l’attenzione sulla sicurezza delle scuole, perché – come ha ricordato il Presidente Mattarella nel suo discorso di insediamento alla Presidenza della Repubblica – sia garantito a tutti il diritto allo studio in ambienti sicuri”, afferma Antonio Gaudioso segretario generale di Cittadinanzattiva. “Apprezziamo l’impegno del Governo Renzi sull’edilizia scolastica, ma chiediamo da tempo che si esca da una logica emergenziale. Per far questo, è indispensabile che, dopo 18 anni,  l’Anagrafe dell’edilizia scolastica venga alla luce a giugno, come promesso dal sottosegretario all’Istruzione Faraone, per arrivare ad una programmazione puntuale degli interventi, a cominciare da quelli più urgenti. Chiediamo anche di essere coinvolti nell’Osservatorio nazionale sull’edilizia scolastica da poco avviato, per portare un punto di vista civico fondato su dati ed esperienze concrete. Con il tour della installazione porteremo nelle piazze italiane l’attenzione per la nostra scuola, con le sue criticità ma anche con le sue buone pratiche ed inviteremo i cittadini, soprattutto i giovani studenti, a segnalarci lo stato delle scuole che frequentano”.

“Con questo accordo si vuole contribuire alla realizzazione di nuovi modelli di scuole, rispettose delle peculiarità dei territori, improntate ai criteri della eco sostenibilità e del risparmio energetico, alla solidità e alla durevolezza nel tempo, alla sicurezza anche rispetto al rischio sismico, come dimostrato dai recenti eventi sismici in Emilia Romagna, e non si poteva che condividere questo progetto” commenta Emanuele Orsini, presidente di Assolegno L’interesse dimostrato dal governo, dal MIUR e da Anci ci indica che siamo sulla strada giusta per poter garantire al cittadino un prodotto di alta qualità ed efficienza”.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento