Rimozione amianto

Da ieri molte aziende rischiano di andare fuori legge perché, in base alla nuova classificazione, molti rifiuti diventano da non pericolosi a pericolosi. Gestori e produttori di rifiuti ne sentiranno le conseguenze e il sistema di smaltimento dei rifiuti rischia di bloccarsi. Ma vediamo cosa sta succedendo.

La norma che ha provocato tutta questa confusione è in contrasto con i regolamenti (il n. 1357/2014) e le decisioni (la n. 955/2014) dell’Europa, che entrano in vigore dal primo giugno 2015.

Nessuno è riuscito a fermarla, la norma italiana, neanche il ddl di conversione del Milleproroghe che non è stato in grado di congelarla fino al primo giugno 2015 in modo da sovrapporsi alla normativa europea. Una norma irrefrenabile quindi? Pare di si. A parte gli scherzi: in sede di conversione del Milleproroghe, la Commissione Affari Costituzionali della Camera ha respinto gli emendamenti perché incompatibili con la normativa UE. Ma nessuno in Europa ha adottato una normativa simile a quella italiana (che è la 116/2014). Nessuna spiegazione, seppur promessa, è stata data in proposito. Perchè quegli emendamenti sono stati respinti?

La norma in questione incide sui rifiuti non pericolosi con “codici a specchio” (“a specchio” significa che possono essere pericolosi o no) che si troverebbero a diventare pericolosi quasi sempre (si tratta del 66% della produzione totale di rifiuti speciali, 85 milioni di tonnellate). Perché? Per “precauzione”, semplicemente per questo motivo: molti rifiuti fino a ieri classificati come “a specchio”, “per precauzione” rischiano di diventare pericolosi.

Le modalità per valutare la pericolosità dei rifiuti non considerano il contesto di provenienza e le materie impiegate. In più impongono la ricerca dei composti peggiori: cioè, si introduce un giudizio soggettivo e si prescinde dal giudizio tecnico.

Anche se diventano pericolosi solo per precauzione (un principio che non ha senso in sede di legislazione), per i nuovi rifiuti pericolosi vale lo stesso il sistema sanzionatorio. I nuovi pericolosi non saranno nemmeno più gestibili dagli impianti che li hanno gestiti fino a oggi.

È un problema di costi e di gestione impiantistica: presto gli impianti per i rifiuti pericolosi saranno pieni. Allora, ne vedremo delle belle.

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili

Enzo Pelosi, 2012, Maggioli Editore

In un sistema giuridico caratterizzato da un'inflazione normativa e da una stratificazione di disposizioni in materia ambientale, spesso di complessa lettura ed interpretazione, il presente volume nasce dall'esigenza di fornire alla pluralità di soggetti che, a vario...

34,00 € 30,60 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento