Al via i controlli per stanare le false Partite IVA, a partire da gennaio 2015, in base alla Legge Fornero. La Legge era in vigore dal 18 luglio 2012 e imponeva di non fare gli accertamenti sull’effettiva regolarità dei rapporti di lavoro fino al 31 dicembre 2014. Dunque, si parte con i controlli.

Si tratta del regime che regola la presunzione di subordinazione e i Professionisti, quindi anche gli Architetti, sono coinvolti da tale sistema di controlli previsti sullo smascheramento delle false Partite IVA.

Bisogna distinguere due situazioni tra i Professionisti Tecnici:

1) se il lavoratore autonomo è iscritto a un Ordine, la presunzione relativa di subordinazione non potrà trovare applicazione, visto che il decreto ministeriale del Lavoro del 20 dicembre 2012 ha escluso queste figure dal regime di verifica.

2) Se il lavoratore autonomo, invece, non è iscritto a un Ordine, gli ispettori che effettueranno il controllo potranno far leva sui parametri disciplinati dalla riforma Fornero.

L’efficacia delle presunzioni è quindi limitata:
– alle persone che hanno la Partita IVA,
– a quelli che svolgono attività di impresa individuale di servizi,
– ai lavoratori autonomi privi di un ordinamento o di un iscrizione a un elenco.

Per sapere di più su qual è il confine tra vere e false Partite IVA leggi Professionisti, nuove condizioni per assumere le false partite Iva.

Quali sono invece le realtà veramente autonome nell’edilizia? Per saperlo leggi False Partite Iva, i paletti del ministero del Lavoro per l’edilizia.

È la “guerra” alle Partite IVA e ai contratti di collaborazione che in realtà mascherano rapporti di lavoro subordinato. Il ricorso a contratti a progetto o a Partita IVA è illegittimo se serve a fuggire obblighi previdenziali verso il lavoratore precario con scarse tutele e prospettive di stabilizzazione più o meno inesistenti. Ci sono i lavoratori autonomi a Partita IVA ma anche i lavoratori dipendenti mascherati da autonomi: queste sono le false Partite IVA.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

  1. sono un infermiera professionale è da piu di 10 anni che lavoro solo ed esclusivamente presso una struttura IPAB, ed ho dovuto aprire la partita iva per poter lavorare . faccio solo 6 fatture bimestrali annue lavoro a contratto annuale percepisco un reddito lordo di 16800 euro annue, vorrei sapere se io rientro nelle cosi dette false partite iva , se c’è la possibilità di un assunzione da parte dell ente visto che la figura d’ infermiere esce nella pianta organica di ruolo. in attesa vi ringrazio anticipatamente.

Scrivi un commento