SelgasCano

Lo studio di architettura spagnolo SelgasCano guidato José Selgas e Lucía Cano progetterà il padiglione temporaneo estivo che ogni anno sorge sul grande prato dei Kensington Gardens e sarà al tempo stesso la prima opera del duo in terra britannica. Sarà il quindicesimo anniversario, all’interno dei Kensington Gardens di Londra.

José Selgas ha dichiarato: “Si tratta di una straordinaria opportunità per sperimentare nuove idee di struttura e materia (…) Stiamo attualmente lavorando con i nostri ingegneri per studiare l’uso di un unico materiale in modo strutturale che possa esplorare il concetto di trasparenza. Il nuovo padiglione sarà assolutamente sperimentale, da qualsiasi angolazione lo si guarderà sarà come abbracciare il parco”.

L’opera di SelgasCano avrà come termini di paragone (durissimi) i progetti di Smiljan Radic (2014), Sou Fujimoto (2013), Herzog & de Meuron e Ai Weiwei (2012), Frank Gehry, (2008); Rem Koolhaas e Cecil Balmond (2006), Oscar Niemeyer (2003), Daniel Libeskind (2001) infine Zaha Hadid, l’artefice del padiglione inaugurale nel 2000.

Il progetto sarà svelato febbraio 2015 ma le aspettative, fondate sulle caratteristiche distintive dell’architettura di José Selgas e Lucía Cano, parlano di materiali hi-tech, nuove tecnologie e uso del colore, oltre che della dichiarata esplorazione della “trasparenza strutturale”.

José Selgas e Lucía Cano nella loro opera si sono sempre ispirati a Luis Barragan e Richard Rogers. Forse lo faranno anche per la Serpentine Gallery, ma ancora non lo sappiamo: il futuro non è scritto.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

Scrivi un commento