Affitto casa in montagna

Settimana bianca, my love! Gli italiani sentono la crisi ma non mollano l’abitudine della settimana bianca. Con questo weekend cominciano ufficialmente le vacanze di Natale e allora effettuiamo un breve excursus sul tema degli affitti delle case di montagna. A rendere palese l’assunto di apertura è il tasso di sfitto elaborato dall’ufficio studi di Casa.it, ovverosia la percentuale di appartamenti non affittati nei mesi di gennaio e febbraio in base alle prenotazioni che sono già effettuate.

Affitto: la situazione generale tra gennaio e febbraio
“In linea generale quasi il 100% dell’offerta risulta già prenotato almeno per due settimane, sia a gennaio che a febbraio – si affermava sul Sole 24Ore questa settimana attraverso una analisi proveniente dall’ufficio studi di Casa.it – mentre le settimane più ricercate sono le due iniziali di febbraio seguite dall’ultima di gennaio e di febbraio”. Gli appartamenti che ricevono meno richieste di affitto sono nell’80% dei casi quelli di maggiori dimensioni (oltre sei posti letto) nelle località più care dell’arco alpino. L’assorbimento maggiore riguarda sempre le località più conosciute e frequentate in cui il costo massimo settimanale si aggira intorno ai 1400 euro a settimana (intorno ai 200 euro al giorno) per appartamenti con massimo quattro posti letto.

Gli effetti della crisi
Nel frattempo chi possiede una casa in montagna sceglie sempre più spesso di utilizzarla al fine di ammortizzare almeno in parte le ingenti tasse e le necessarie spese di manutenzione che gravano su una seconda casa (oggi un bene di assoluto extralusso secondo il fisco), mentre chi non ha una abitazione da vacanze cerca generalmente un affitto a costi accessibili. È questo il trend prevalente per quello che riguarda il tema degli affitti nel nostro paese in questo trapasso di 2014.

Il range degli affitti: da Ponte di Legno a Cortina
Ma ecco qualche cifra per capire in effetti a quanto ammontano i costi per l’affitto settimanale nelle località di montagna. Per un appartamento da quattro persone l’affitto settimanale transita in genere da un minimo di 400 euro (a gennaio a Bormio, Ponte di Legno, Cesana torinese) ad un massimo di 1800-1900 euro (ovviamente le regine Courmayeur e Cortina nel mese di febbraio) passando per i 1000 euro di Canazei e i 1200 di Madonna di  Campiglio (in alta stagione, sempre nel mese di febbraio). È questo il range di prezzi in cui ci si imbatte se si è alla reicerca di una abitazione in affitto in montagna nella stagione invernale.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

4 Commenti

  1. la crisi non ha inciso sulla settimana bianca per quanto riguarda gli affitti ma sono sicuro che inciderà riguardo alle spese che gli Italiani sosterranno durante le ferie, spero di sbagliarmi e di essere smentito dalle statistiche dopo che verranno pubblicate dopo le vacanze.

  2. […] Settimana bianca, quanto costano 7 giorni in affitto in montagna?Ediltecnico – Quotidiano online per professionisti tecniciSettimana bianca, my love! Gli italiani sentono la crisi ma non mollano l'abitudine della settimana bianca. Con questo weekend cominciano ufficialmente le vacanze di Natale e allora effettuiamo un breve excursus sul tema degli affitti delle case di … […]

  3. […] Settimana bianca, quanto costano 7 giorni in affitto in montagna? Settimana bianca, my love! Gli italiani sentono la crisi ma non mollano l'abitudine della settimana bianca. Con questo weekend cominciano ufficialmente le vacanze di Natale e allora effettuiamo un breve excursus sul tema degli affitti delle case di … Read more on Ediltecnico – Quotidiano online per professionisti tecnici […]

  4. E’ una tipologia completamente diversa d’affito rispetto agli standard utilizzati nelle grandi città, Questi affitti brevi comortano uno sforzo maggiore da parte delle agenzie immobiliari della zona .
    Se pensiamo al settore delle compravendite invece Cortina come meta turistica negli ultimi anni ha avuto un boom eccezionale di compravendite immobiliari un turnover di proprietari incredibile,

Scrivi un commento