Con l’introduzione del Bonus Mobili nel 2013 (DL n.63 del 4 giugno 2013), le istituzioni italiane hanno raccolto l’invito delle imprese a sostenere i consumi interni per riattivare il sistema economico. Tale misura, che prevede la possibilità di detrarre il 50% dell’acquisto di arredo per una spesa massima di 10.000 euro a fronte di un intervento di ristrutturazione, ha dimostrato di essere una misura fiscale in grado di favorire la lotta alla disoccupazione, di sostenere un settore cruciale del Made in Italy, garantendo allo Stato un consistente e immediato gettito IVA.

Il Bonus Mobili è stato un “Toccasana per la filiera produzione-distribuzione che occupa oltre 430.000 addetti. Estendere la misura anche al 2015 è vitale. Stimata una spesa finale 2013-2014 collegata al Bonus Mobili di 1.900 milioni di euro, per un gettito IVA aggiuntivo di 360 milioni di euro. Salvati 10.000 posti di lavoro.

Secondo le stime elaborate dal Centro Studi di FederlegnoArredo, infatti, entro la fine del 2014 saranno almeno 10.000 gli addetti della filiera Legno Arredo che avranno conservato il proprio posto di lavoro grazie al Bonus Mobili. Al tempo stesso, le vendite generate dall’incentivo porteranno ad una spesa complessiva di 1.900 milioni di euro, generando un gettito di IVA aggiuntivo di 360 milioni di euro.

Già lo scorso dicembre, in occasione della conferenza stampa di fine anno, FederlegnoArredo aveva messo in evidenza gli effetti positivi di tale provvedimento, richiesto dalla Federazione e da tutti i più importanti attori della filiera: i sindacati di categoria FENEAL UIL, FILCA CISL, FILLEA CGIL – e le rappresentanze della distribuzione Federmobili e ANGAISA.
Oggi, grazie ai dati relativi alle dichiarazioni dei redditi 730 dei CAF CISL, CGIL, UIL e il CAF 50&PIÙ, con cui le federazioni hanno sottoscritto un accordo a dicembre 2013, le previsioni avanzate trovano piena conferma.

“L’introduzione nel 2013 del Bonus Mobili – sottolinea il presidente di FederlegnoArredo Roberto Snaidero – ha rappresentato un toccasana per il Legno Arredo, che con i suoi 430.000 addetti è una delle filiere più importanti in Italia. Per questo siamo grati al Governo di averci creduto. A fine anno saranno almeno 375.000 i contribuenti che avranno utilizzato la detrazione tra 2013 e 2014. Un risultato davvero straordinario, con effetti positivi sull’occupazione del settore, consentendo in tal modo un risparmio sulla Cassa Integrazione di circa 40 milioni di euro. Di fronte a questi numeri, estendere la misura anche al 2015 è assolutamente vitale”.

“Nel 2013, attraverso i CAF CISL, CGIL, UIL e il CAF 50&PIÙ – sottolineano i rappresentanti dei sindacati di categoria V. Delicio (FENEAL UIL), P. Acciai (FILCA CISL) e M. Meschieri (FILLEA CGIL) – i contribuenti italiani hanno utilizzato in gran numero l’incentivo fiscale nelle dichiarazioni 730. È un dato molto positivo che dimostra come il Bonus Mobili abbia rappresentato un fattore di reale sostegno per le famiglie e i lavoratori”.

“I risultati del Bonus Mobili sono sotto gli occhi di tutti e se queste misure non dovessero essere prorogate per il 2015 sarebbe sicuramente un’occasione persa – afferma Mauro Mamoli, Presidente di Federmobili, la Federazione dei Negozi di Mobili e Arredamento aderente a Confcommercio Imprese per l’Italia – Oltre che benefici diretti sul nostro settore, tale proroga avrebbe ripercussioni benefiche sull’indotto che l’Industria ed il Commercio del mobile e dell’elettrodomestico attivano con le loro transazioni”.

Detto questo, il Bonus Mobili sarà confermato per il 2015? Ancora non lo sappiamo.

“A fronte di uno scenario congiunturale ancora recessivo – osserva Mauro Odorisio, Presidente di ANGAISA, l’Associazione nazionale dei distributori idrotermosanitari, aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia – è fondamentale dare continuità al Bonus Mobili. Oltre alla volontà politica, devono essere individuate le coperture necessarie per prorogare il pacchetto completo della detrazione fiscale 50%. Possibilmente senza modificarne le modalità applicative, per evitare di disorientare i consumatori e limitare l’efficacia delle agevolazioni”.

 

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento