TASI e tasse sulla casa

Il countdown per il pagamento della TASI 2014 prosegue inesorabile: nelle case degli italiani stanno arrivando proprio in questi giorni le comunicazioni da parte dei Comuni nelle quali si fa presente che esiste il tributo sui servizi indivisibili e deve essere pagato. Le amministrazioni comunali più evolute stanno inviando anche i bollettini con l’importo da versare per ottemperare al tributo, ma per la maggior parte dei cittadini la necessità è quella di arrangiarsi.

Non sai quanto devi pagare di TASI? Scopri tutto nell’articolo-tutorial intitolato TASI 2014: come si calcola e come si paga in 4 semplici mosse.

Nel frattempo nelle ultime 48 ore sono balzate all’onore delle cronache un paio di dichiarazioni di peso, con riferimento al tributo: da una parte si è espresso l‘onnipresente premier Matteo Renzi, dall’altra ha fatto sentire la sua voce il presidente dell’Anci Piero Fassino. Andiamo ad ascoltare le loro voci.

Matteo Renzi ha tuonato dall’alto della diretta televisiva serale di Rete 4 (via Paolo Del Debbio a Quinta Colonna): “Non da quest’anno perché quest’anno c’è la TASI che è una scelta del passato, ma dal 2015 ci sarà un’unica tassa, secca, chiara nei Comuni per case, strade, asili, giardini e servizi”. Renzi ha spiegato che dall’anno prossimo sarà il singolo Comune a decidere quale aliquota scegliere e sarà proprio l’amministrazione comunale ad essere “responsabile di fronte ai cittadini”. Un annuncio nella direzione della semplificazione dopo il grande caos degli ultimi mesi con riferimento alla complessiva imposizione tributaria sulla casa.

Piero Fassino, nei panni del presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, si è soffermato sul peso della TASI e sulla sua comparazione con la vecchia IMU: “Quando si compara TASI a IMU si fa una operazione non corretta, perché spesso la si compara con la mini-IMU. Bisogna invece comparare la TASI all’IMU intera del 2012. Il tributo sui servizi indivisibili costa meno ai cittadini dal momento che l’IMU 2012 aveva come aliquota il 4 per mille, alzata in alcuni comuni. Oggi l’aliquota massima della TASI è il 3,3 per mille. La comparazione va fatta con dati omogenei”.  Un appello alla chiarezza, quello del presidente ANCI, che ha poi tirato in ballo anche la polemica sui balzelli posti dai sindaci per compensare i minori introiti derivanti dallo Stato: “Non abbiamo compensato quanto tagliato, nessun sindaco si mette allegramente ad aumentare le tasse” ha chiarito la questione Fassino, difendendo la categoria di sindaci.

Parole, dichiarazioni, esternazioni: ma l’unica cosa concreta che accade per il momento è il palesarsi della rata della TASI sulle spalle (già vessate) degli italiani.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

  1. Ovvio, hanno intenzione di alzarle ancora e devono fingere di farlo per riunificare le tasse, ovvero fingere un altro motivo. Lo fecero PDL e Lega con la definizione di IMU da ICI e IRPEF, che doveva avviarsi dal 2014, riducendo del 20-30% le tasse alle aliquote irpef dei redditi sopra i 50 mila euro annui ed aumentandole per tutti quelli che stavano sotto. Lo fece poi Monti, quindi Letta, tanto da arrivare a IMU + IRPEF (immobili sfitti e rendita) + TASI.
    Vuoi che Renzi non faccia lo stesso?! Si è dato il colpo di grazia agli affitti in questo modo e di conseguenza al settore costruzioni.

Scrivi un commento