Maggioli Editore


Bonifico parlante per le ristrutturazioni: gli errori da non fare

Bonifico parlante per le ristrutturazioni: gli errori da non fare

Mancano pochi mesi al termine dell’agevolazione fiscale “importante” sulle ristrutturazioni edilizie, che garantisce la possibilità di portare in detrazione il 50% delle spese sostenute per i lavori di manutenzione straordinaria, fino a un tetto massimo di 96.000 euro.

La scadenza, infatti, a meno di ulteriori proroghe, è fissata per il 31 dicembre 2014.

Una condizione essenziale per non perdere il diritto alla detrazione è quella del pagamento tramite bonifico parlante. Un particolare tipo di bonifico, eseguibile sia in banca sia alle Poste, che richiede l’inserimento di dati specifici e una causale particolare.

In caso di errore nell’esecuzione del bonifico parlante per le ristrutturazioni, infatti, l’unico modo per sanare l’errore è di ripetere l’operazione, accordandosi ovviamente con il beneficiario del pagamento per la restituzione del primo pagamento (leggi il nostro articolo su questo tema specifico).

Vediamo dunque quali sono gli errori da evitare nella compilazione del bonifico parlante.

Chi effettua il bonifico deve essere chi chiede la detrazione
Fondamentale è che l’ordinante del bonifico sia poi la stessa persona che sulla propria dichiarazione dei redditi chiede la detrazione 50% sulle detrazioni. Se il signor Verdi risulta l’ordinante del pagamento con bonifico, a chiedere la detrazione non può essere la signora Rossi.

Se i lavori di ristrutturazione rientranti nella Detrazione 50% sono eseguiti su immobili in comproprietà tra diversi soggetti, il bonifico bancario deve riportare il nome, il cognome e il codice fiscale di tutti i proprietari e non solo di colui che esegue il bonifico.

Il Codice fiscale, non scordarlo!
Sul bonifico, l’ordinante deve inserire anche il proprio codice fiscale. Dimenticarselo, potrebbe inficiare la validità del bonifico parlante per le ristrutturazioni edilizie.

Nel caso di lavori su un condominio, il codice fiscale da inserire è quello del condominio, non quello di chi materialmente esegue il pagamento allo sportello.

Nella causale va messo il riferimento normativo esatto
Eseguire un bonifico parlante per richiedere l’agevolazione fiscale del 50% sulle ristrutturazioni edilizie, inserendo i riferimenti normativi per quella relativa alla riqualificazione energetica (o viceversa) è un errore da evitare accuratamente.

Per capire quali sono i riferimenti di legge esatti può essere utile leggere degli esempi di bonifici parlanti per le ristrutturazioni e per la detrazione 65% che abbiamo pubblicato qualche tempo fa.

Va anche aggiunto che l’Agenzia delle Entrate, dopo un primo periodo in cui non ammetteva in maniera assoluta l’errore sul riferimento normativo inserito sull’ordine di pagamento, si è via via ammorbidita. In ogni caso il Fisco ammette l’errore solo se non impedisce di comprendere chiaramente la motivazione per cui si è effettuato il pagamento (leggi l’articolo).

Collegamento tra pagamento e fattura
In realtà non è un errore gravissimo, ma per prudenza è sempre meglio prevedere nella causale del bonifico parlante per ottenere l’agevolazione fiscale sulle ristrutturazioni inserire anche il riferimento alla fattura che si sta saldando e che dovrà essere conservata insieme alla ricevuta di pagamento per futuri controlli.

Tutte le istruzioni per la corretta compilazione
Tutte queste informazioni e altre ancora si possono trovare nell’articolo con i punti essenziali per la corretta compilazione del bonifico bancario parlante che trovate a questo link.


Articolo pubblicato il 24/07/2014 in Edilizia Fiscalità
Tags ,

20 Commenti per Bonifico parlante per le ristrutturazioni: gli errori da non fare

1 2
  1. Annalisa
    04/03/2015 alle 16:41

    Vorrei sapere se è obligatoria la fattura in originale da inserire nel 730…poiché io ho solo una mail inviata da loro come fattura grazie

  2. Giulio
    16/05/2015 alle 13:22

    La ristrutturazione e l’ampliamento di un immobile puo’ fruire delle agevolazioni fiscali? In che termini? ( per quota del bene diviso tra ampliamento e ristrutturazione? Grazie

  3. cataldo
    24/05/2015 alle 19:34

    CARI,HO FATTO DIVERSI BONIFICI ON LINE
    E NELLA CAUSALE NON HO SCRITTO “‘art.16-bis del tuir”
    mentre ho indicato il numero della fattura,i riferimenti della scia rilasciata dal comune etc. ed anche la dicitura per ristrutturazione edilizia.
    Secondo voi posso rimediare a tale svista ! il caaf ha fatto storie
    grazie

  4. ciro
    25/05/2015 alle 09:50

    puoi solo farti rimborsare e rifare il bonifico ex-novo

  5. luisa
    27/05/2015 alle 14:27

    causa trasloco ho smarrito la ricevuta di un bonifico ristrutturazione, come posso fare ad avere una copia o un documento che attesti che (come effettivamente avvenuto) ho pagato l’impresa con bb per ristrutturazione edilizia? posso produrre la pagina home banking del fornitore e il documento interno con cui la banca ha fatto partire il bb? alternative? grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Fiere ed Eventi

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Renzo Piano e La Scheggia, il grattacielo di Londra

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito