scuola digitale

Una nuova generazione di scuole si sta affacciando sullo scenario europeo ed extra-europeo, basata sull’affermazione e sulla diffusione delle tecnologie digitali e delle ICT. I nuovi programmi scolastici pensati per adeguare ai nuovi strumenti di apprendimento l’ambito educazione e le attività didattiche, devono essere accompagnati e sostenuti da un ripensamento dello “spazio scuola” capace di assecondare le nuove esigenze e non di impedirne lo sviluppo.

scuola digitale 2
Vista esterna del 4eth Gymnasium di Studioninedots nel quartiere di Outhavens di Amsterdam. Il rapporto degli studenti con lo spazio esterno mostra un comportamento di estrema responsabilità e libertà. Gli studenti lo vivano come spazio annesso all’edificio scolastico e quindi lo utilizzano anche per attività didattiche all’aperto, permettendo di uscire e rientrare nelle pause e nella pausa pranzo. Foto di John Lewis Marshall

La Commissione Europea è in prima linea nel finanziamento e nella promozione delle ICT e della tecnologia digitale nel mondo dell’educazione, come dimostrato da Horizon 2020, il nuovo Programma per la Ricerca e l’Innovazione dell’UE, che comprende le tematiche della Scuola. Erasmus+, Horizon 2020, i Fondi Strutturali, evidenziano l’interesse dell’UE verso la realizzazione della scuola digitale.

scuola digitale 3
Particolare dell’interno del 4eth Gymnasium di Studioninedots nel quartiere di Outhavens di Amsterdam. Le classi sono collegate visivamente e spazialmente al learning landscape attraverso parti vetrate, così come lo spazio interno è a sua volta in connessione verso la corte esterna per mezzo di ampie finestre. Foto di John Lewis Marshall

A fronte di attività didattiche che vedono diminuire le ore frontali e la didattica tradizionale, per essere sostituiti da workshops, attività manuali, dove ICT e tecnologie digitali assumono un ruolo centrale, lo spazio tradizionale della scuola deve essere ripensato con un approccio integrato, capace di piegare le logiche spaziali ai nuovi indirizzi pedagogici e sociali. Viene superato il modello di classe tradizionale, creando invece uno smart space fluido, flessibile, capace di aprirsi con uno spazio di raccordo, il learning landscape, che supera la logica del corridoio. La scuola non è più solo luogo di formazione e di didattica, ma assume anche un ruolo nel contesto urbano in cui si inserisce; diventa un civic center a disposizione della cittadinanza e in grado di diffondere l’uso delle ICT e delle tecnologie digitali nella società.

scuola digitale 4
Dalla scuola tradizionale alla scuola di nuova generazione. Lo schema mostra come cambia l’organizzazione spaziale e dei flussi all’interno della scuola di nuova generazione: la classe si apre verso il learning landscape, luogo di relazione, studio e attività individuali o di gruppo, offrendo uno spazio capace di piegarsi alle attività didattiche previste dai nuovi programmi scolastici pensati sull’uso delle tecnologie digitali e dalle ICT

Anche l’Italia, a partire dal Piano Nazionale per la Scuola, in linea con l’Agenda Digitale Europea, ha intrapreso questo percorso di digitalizzazione della scuola e ripensamento del suo spazio. Nella consapevolezza di come la LIM non sia sufficiente per avere una scuola digitale, occorre guardare verso quanto già fatto e sperimentato oltre i confini italiani per poter indirizzare gli investimenti previsti per i prossimi anni, secondo quanto ipotizzato dal Piano nazionale di edilizia scolastica e universitaria annunciato dal Governo. Solo in questo modo anche l’Italia potrà far parte della rete delle Smart Communities nelle quali le nuove scuole digitali saranno protagoniste.

Nell’immagine di apertura: vista di uno degli spazi di studio/relax della scuola di nuova generazione proposto da Indire presso il Salone dell’educazione, dell’orientamento e del lavoro di Genova nel 2012.

 

articolo di Alessandro Pracucci, architetto e libero professionista in Rimini
a cura di Theo Zaffagnini

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento