Gli alloggi sociali godono dell’agevolazione TASI, ma quali sono i requisiti per poter beneficiare di questo bonus? Risponde, ancora una volta, l’Amministrazione finanziaria che ha pubblicato la scorsa settimana una serie di FAQ per chiarire i punti più controversi della nuova tassazione sulla casa.

Il primo elemento da evidenziare è che i fabbricati civili destinati ad alloggi sociali sono equiparati all’abitazione principale, solo se rientrano nella definizione di “alloggio sociale” fornita dal decreto 22 aprile 2008 del Ministero delle infrastrutture.

Ecco, per chiarezza, come definisce “alloggio sociale” il decreto citato dall’amministrazione finanziaria nelle sue FAQ: “È definito «alloggio sociale» l’unità immobiliare adibita ad uso residenziale in locazione permanente che svolge la funzione di interesse generale, nella salvaguardia della coesione sociale, di ridurre il disagio abitativo di individui e nuclei familiari svantaggiati, che non sono in grado di accedere alla locazione di alloggi nel libero mercato. L’alloggio sociale si configura come elemento essenziale del sistema di edilizia residenziale sociale costituito dall’insieme dei servizi abitativi finalizzati al soddisfacimento delle esigenze primarie. Rientrano nella definizione […] anche (n.d.r.) gli alloggi realizzati o recuperati da operatori pubblici e privati, con il ricorso a contributi o agevolazioni pubbliche – quali esenzioni fiscali, assegnazione di aree od immobili, fondi di garanzia, agevolazioni di tipo urbanistico – destinati alla locazione temporanea per almeno otto anni ed anche alla proprietà”.

Ai fini della TASI, l’equiparazione di tali alloggi all’abitazione principale rende applicabile l’aliquota e le agevolazioni/detrazioni eventualmente stabilite dal Comune (in caso di comproprietà leggi anche come calcolare l’entità del pagamento TASI tra i diversi soggetti)

Per ottenere tali agevolazioni occorre presentare una apposita dichiarazione, come per l’IMU. Pertanto, scrive l’Amministrazione finanziaria, nel modello Dichiarazione IMU il proprietario dell’alloggio sociale deve anche barrare il campo 15 relativo alla “Esenzione” e riportare, nello spazio dedicato alle “Annotazioni” la seguente frase.

L’immobile possiede le caratteristiche e i requisiti richiesti dalla lett. b), comma 2, dell’art. 13 del DL n. 201/2011″.

La dichiarazione IMU vale anche ai fini TASI.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

Scrivi un commento