Giustizia civile e svuota carceri, i decreti diventano legge

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 42 di ieri sono state pubblicate  le  leggi di conversione del  decreto svuota carceri (d.l. 211/2011), convertito dalla legge 17 febbraio 2012, n. 9 (Interventi urgenti per il contrasto della tensione detentiva determinata dal sovraffollamento delle carceri), e del decreto sulla giustizia civile (d.l. 212/2011), convertito dalla legge 17 febbraio 2012, n. 10 (Disposizioni urgenti per l’efficienza della giustizia civile).

“Nessuna delle norme del decreto appare idonea ad attentare alle istanze di difesa sociale, così come da alcuni paventato – ha commentato il ministro severino dopo il sì della Camera al d.l. svuota carceri alcuni giorni fa –  . Ho sentito a tal proposito i toni piuttosto accesi di chi, puntando il dito verso di me ha dichiarato che sarò responsabile di tutte la conseguenze di questo decreto. Ora, se con il termine responsabile si intendeva dire che sarò colpevole, bene devo dire che mi sento molto più colpevole delle morti in carcere per suicidio che delle conseguenze di un decreto che dovrebbe contribuire a salvare il carcere dallo stato di degrado in cui attualmente si trova”.

“Se con il termine responsabile si intendeva dire che sarò chiamata a rispondere di ciò che ho proposto e che spero il Parlamento condivida definitivamente, devo dire che sono abituata a sentirmi responsabile per ogni decisione che prendo. Lo ero quando, nella mia precedente attività, sapevo che da una mia decisione errata poteva dipendere la condanna o la assoluzione di una persona – ha aggiunto -. Lo sono ora che, nella difficile funzione che mi è stata affidata, so che da una mia decisione errata può derivare una lesione dei diritti dei cittadini e degli interessi della collettività. Sono dunque pronta, anche in questo caso, ad assumermi le mie responsabilità ed auspico che il Parlamento le voglia condividere con me.

Popolazione detenuta al 31 gennaio 2012

Ristretti negli OPG al 31 gennaio 2012

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento