Restauratori: speranze per la qualifica
Restauratori: speranze per la qualifica

Il sottosegretario ai Beni culturali Roberto Cecchi ha convocato una riunione per discutere, con i sindacati di categoria Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, della problematica della disciplina di qualificazione dei restauratori e della modifica dell’articolo 182 del Codice dei beni culturali, che tratta proporio della definizione di “restauratore di beni culturali”.

 

Leggi l’articolo 182 del Codice dei beni culturali e del paesaggio

 

È un piccolo ma significativo passo avanti. Dicono i sindacati: “Comincia a intravvedersi la reale possibilità di risolvere, in tempi brevi, l’annosa problematica della qualificazione degli operatori del comparto. Promettente il fatto che si stia concretamente lavorando su una mediazione tra i disegni di legge giacenti nelle sedi legislative”.

 

Questo significa che è stato accolto l’invito, inviato in settembre agli interlocutori istituzionali e alle organizzazioni imprenditoriali, proprio dagli stessi sindacati Feneal, Filca e Fillea, ai fini di unificare i disegni di legge. Il documento proponeva di individuare, come requisiti utili alla qualifica:
– i requisiti realmente espressi dagli operatori del comparto e maturati fino a oggi;
– il riconoscimento dell’attività formativa e dell’esperienza lavorativa tramite un sistema unico di punteggio con riferimento a titoli formativi che rappresentano un unicum sul piano nazionale, tra cui le accademie con insegnamento quinquennale e alcune facoltà universitarie di restauro che attuano corsi specialistici;
– la definizione di linee guida per la valutazione dell’attività lavorativa svolta attraverso l’istituzione di una commissione apposita, con la presenza delle parti sociali.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento