Il prossimo giovedì 6 febbraio, a Roma presso il Tempio di Adriano in Piazza Pietra, Architetti e Geologi, insieme all’Associazione nazionale dei costruttori edili (ANCE) e a Legambiente, presenteranno #DissestoItalia, la prima grande inchiesta multimediale sulla disastrosa situazione del territorio italiano, ostaggio del dissesto idrogeologico che sta facendo danni e vittime in tutto il Paese.

Continuano, infatti, i disagi per le popolazioni coinvolte dall’ondata di maltempo che sta flagellando moltissime Regioni italiane. Ieri le scuole di Roma sono state chiuse e i vigili del fuoco e i volontari della Protezione civile hanno lavorato per cercare di ripristinare una situazione di normalità nelle zone maggiormente colpite dall’alluvione che ha investito la Capitale.

Sono intervenuti anche i militari che hanno installato pompe idrovore per alleggerire la situazione nel Consorzio Tevere e Agro Romano, proprio a ridosso dei canali, e poi sul quadrilatero Isola Sacra tra via Costalunga, via Castagnevizza, via Trincea delle Frasche e via Passo Buole.

E proprio a Roma, dunque, i professionisti tecnici e le associazioni si ritroveranno giovedì prossimo per denunciare le cause e le dimensioni del dissesto idrogeologico in Italia ma soprattutto per proporre soluzioni concrete e condivise.

#DissestoItalia è una raccolta di analisi, immagini, dati e testimonianze raccolte in un reportage di tre mesi attraverso i luoghi simbolo del dissesto del territorio italiano saranno presentati insieme ai numeri del nuovo Rapporto Ance-Cresme che mettono in luce i rischi ai quali andiamo incontro se non interveniamo con urgenza nella manutenzione del territorio.

Si tratta di un web documentario multimediale. La presentazione ufficiale inizierà alle ore 11.

Ne discuteranno con Sergio Rizzo del Corriere della Sera il Ministro dell’ambiente, Andrea Orlando, e i presidenti Paolo Buzzetti (Ance), Leopoldo Freyrie (Architetti), Gian Vito Graziano (Geologi)  e Vittorio Cogliati Dezza (Legambiente).

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento