Segnali di ripresa o meno, per ora rimane ancora al palo il settore delle costruzioni che ha registrato l’ennesimo tracolo nella produzione certificato dagli ultimi indici ISTAT illustrati nell’ultimo bollettino del 17 gennaio 2014 relativo al mese di novembre dello scorso anno.

Nel mese di novembre l’indice della produzione nelle costruzioni è diminuito del 2,6% rispetto al mese precedente. Considerando il trimestre settembre-novembre 2013, il calo è stato del 3,2% rispetto al trimestre precedente (giugno-agosto 2013).

Considerando, invece, la media dei primi undici mesi dell’anno scorso, la produzione edilizia è calata dell’11,4% rispetto allo stesso periodo del 2012. L’indice corretto anche per gli effetti del calendario correggono (di poco) l’indice che segna un -10,8%.

I dati raccolti dall’ISTAT sulla produzione nelle costruzioni sono stati destagionalizzati per cogliere in maniera precisa l’evoluzione degli indicatori considerati. In pratica, i dati destagionalizzati sono serie temprali di indici sottoposti ad una procedura che rimuove la componente storica attribuibile, oltre che al diverso numero dei giorni lavorativi, anche agli effetti stagionali.

Da sottolineare come, per tutto il 2013, le variazioni degli indici generali della produzione nel settore edilizio sono sempre state precedute dal segno negativo. Il picco maggiore si è avuto a marzo con un -21,5%.

Scarica il bollettino flash ISTAT sulla produzione nelle costruzioni (17 gennaio 2014)

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento