Ancora in recessione il mercato immobiliare italiano con un calo dei volumi delle compravendite di alloggi anche nel terzo trimestre dell’anno. A renderlo noto sono i dati elaborati dall’Osservatorio del mercato immobiliare (OMI), che ha pubblicato la consueta nota trimestrale.

Le variazioni analizzate dall’OMI continuano dunque a permanere negative, portando il valore assoluto delle transazioni complessive al valore minimo dal 2004.

Complessivamente gli scambi sul mercato del mattone hanno fatto registrare un calo del 6,6% rispetto al medesimo periodo del 2012 con quasi 200.000 unità immobiliari vendute. Il trend negativo si rileva in tutti i settori: dal residenziale alle pertinenze fino ad arrivare al terziario, dove gli immobili produttivi perdono oltre il 9% e gli immobili commerciali l’8%.

Residenziale: benissimo Bologna, bene Milano, stabile Roma, male tutte le altre
Andando nel dettaglio, la Nota OMI mostra il mercato immobiliare del capoluogo lombardo in controtendenza rispetto al resto d’Italia. A Milano, infatti, si registra un sorprendete +9,4% sui volumi degli scambi di immobili residenziali.

Ancora migliore la performance di Bologna dove l’incremento delle trattative andate a buon fine segna un +16,3%.

Tendenzialmente stabile Roma che, rispetto allo stesso periodo del 2012, mostra un +0,6% di incremento. Poco, ma almeno incoraggiante.

Spostando l’attenzione sulle altre principali città capoluogo di provincia italiane arrivano le docce scozzesi. Fanalino di coda della classifica dei mercati immobiliari più stagnanti è Napoli dove la diminuzione arriva a sfiorare il 20%, segue Genova con una diminuzione dei volumi di affari di circa l’8% e via via le altre Firenze (-5,3%), Torino (-4,3%) e Palermo (-0,1%).

A questo link è possibile scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate il testo integrale della Nota trimestrale OMI diffusa il 21 novembre 2013.

Di Mauro Ferrarini

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento