Piano di ricostruzione de L'Aquila
Piano di ricostruzione de L'Aquila

Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità la delibera relativa al Piano di ricostruzione per la città e per le frazioni, che definisce obiettivi strategici e prevede un impegno di circa 5 miliardi euro. Il documento realizzato contiene un’analisi dello stato dei luoghi, riferimenti alla microzonazione sismica, l’individuazione degli interventi e dei soggetti interessati, riferimenti alla messa in sicurezza degli ambiti di ricostruzione, la stima economica dei costi e il cronoprogramma degli interventi.

 

Il Documento riguarda l’insieme dei centri storici, sia quello del capoluogo (168 ettari), sia quelli delle 49 frazioni (235 ettari), che si estendono per una superficie di 403 ettari. La priorità dell’emergenza aquilana è avvalorata dai dati sulla popolazione: gli abitanti dell’intero cratere, alloggiati fuori dalle proprie abitazioni, sono 34mila 670, di cui oltre l’80%, vale a dire circa 28mila 533 persone, risiedono nel Comune dell’Aquila (tra queste 10mila risiedevano nel centro storico del capoluogo).

 

Il Piano si configura come uno strumento programmatico ed economico e definisce gli obiettivi strategici della ricostruzione. Prevedendo un’intesa con il commissario e il presidente della Provincia, in riferimento alle materie di rispettiva competenza.
Un altro obiettivo è quello di assicurare, come previsto dalla normativa, la ripresa socio-economica, la riqualificazione dell’abitato e si propone di facilitare il rientro delle popolazioni nelle abitazioni danneggiate dal sisma.

 

La città de L’Aquila nel 2009 aveva una popolazione pari a 72mila 988 abitanti. Le persone alloggiate fuori dalle proprie abitazioni sono pertanto, a oggi, circa il 40%.
L’assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano ha dichiarato: “Il modello per la ricostruzione attivato dal Comune dell’Aquila per il centro storico e le 49 frazioni si basa, pur nel rispetto della normativa di riferimento, ossia la legge 77 sul terremoto, su un approccio che privilegia, quando possibile, il piano regolatore vigente, evitando il ricorso esclusivo a una pianificazione separata”.
Da dicembre 2010 ad agosto 2011, durante la fase di predisposizione del Piano, il Comune ha anticipato, con l’emanazione di 10 provvedimenti del sindaco, l’attuazione degli interventi, conformi al piano regolatore, che potevano essere avviati subito, circa il 70% del totale.
“Il Piano di ricostruzione – ha proseguito Di Stefano – comprende quattro sezioni relative, rispettivamente, alle linee di indirizzo strategico, agli aspetti generali, alle attività preliminari, ai contenuti, con la stima di massima dei costi degli interventi, e all’applicazione delle disposizioni urbanistiche vigenti”.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento