Il Consiglio Nazionale degli Architetti ha consegnato a Vincenzo De Luca, Viceministro delle Infrastrutture, dieci proposte in tema di semplificazione e di riuso del patrimonio edilizio esistente, allo scopo di promuovere lo snellimento amministrativo per urbanistica, edilizia e ambiente. Ecco quali sono le proposte:

superaremento del vecchio Piano regolatore in favore del Piano di gestione del territorio e degli 8 mila regolamenti edilizi, uno per Comune, vera e propria aberrazione culturale e normativa tutta nazionale;

– istituzione delle Agenzie di semplificazione degli architetti che, in regime di certificazione, aiutino i professionisti a verificare i progetti e la compatibilità normativa;

annullamento e riduzione gli oneri sulle attività di riuso di edifici, non vincolati, che vengano radicalmente recuperati o sostituiti;

liberalizzazione delle destinazioni d’uso;

– immissione del patrimonio pubblico sul mercato;

– partecipazione obbligatoria alle conferenze di servizi – telematiche e asincrone – di tutti i soggetti e enti pubblici, comprese le Soprintendenze;

– impegno per una maggiore certezza del diritto – una delle cause maggiori di fuga degli investitori e del piccolo abusivismo – attraverso la pubblicità dei progetti e con date certe per obiettare;

– pubblicazione di Linee Guida nazionali antincendio da parte del Ministero degli Interni, per evitare interpretazioni di un singolo funzionario da città a città.

Per il Cnappc “è urgente uscire dal paradosso, tipicamente italiano, che vede il nostro Paese essere quello, a livello europeo, che ha la maggiore quantità di regole che riguardano l’edilizia la  tutela del territorio, ma che convive, allo stesso tempo, con un’inaccettabile quota di abusivismo edilizio. Ciò rappresenta emblematicamente, l’incapacità di queste norme di tutelare, ed ancor più  di promuovere, la qualità dei territori, l’attenzione e la cura degli spazi pubblici e dei monumenti, impedendo, di fatto, qualsiasi progetto strategico realizzabile per le città, il paesaggio e per l’ambiente”.

E ancora; “Siamo finiti in un vero e proprio labirinto regolamentare nel quale sono state seppellite anche  alcune norme, potenzialmente innovative quando furono varate,  ma che sono state affossate dalla sovraregolamentazione, con il risultato di impedire la buona architettura, mortificando il progetto, di  allontanare gli investitori e di creare le condizioni per il malaffare”.

“Ora è tempo di intervenire per una semplificazione vera, che con l’innovazione di norme esistenti, crei le premesse perché gli interventi di trasformazione del territorio e degli edifici siano fatti sulla base di regole chiare, tempi certi e assunzioni di responsabilità da parte del settore pubblico, così come dei privati. Le nostre non sono proposte astratte dal contesto, ma sono consapevolmente mirate a perseguire una strategia di Rigenerazione Urbana Sostenibile, per ridurre il consumo del suolo e incentivare il riuso di ciò che già esiste, risparmiando energia e aumentando il comfort abitativo”.

Bisogna quindi accelerare programmi di Riuso, definiti anche dalla legislazione regionale, che puntano a valorizzare i tessuti urbani degradati anche sotto il profilo ambientale, energetico e della sicurezza. Per  realizzarli bisogna aggiornare strumenti come l’accordo di programma e il concorso di progettazione e realizzazione urbana, già esistenti.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento