Sono giunte in Redazione diverse richieste di chiarimento sulle tempistiche precise per poter sfruttare il Bonus Mobili, l’agevolazione fiscale che consente di portare in detrazione fino a un massimo di 10.000 euro di spese sostenute per l’acquisto di arredi da destinare ad unità immobiliari sottoposte a interventi di ristrutturazione (consulta anche la nostra Pagina Bonus Mobili 2013).

Non sono ancora chiare, infatti, le opzioni a disposizione per capire se si ha diritto o meno al Bonus Mobili 2013. In attesa di un chiarimento ufficiale dall’Agenzia delle Entrate, proviamo a definire quello che è certo alla data odierna e cosa, invece, non lo è.

Sicuramente buono il periodo 6 giugno – 31 dicembre 2013
Se i lavori di ristrutturazione edilizia sono iniziati il 6 giugno 2013, data di entrata in vigore del decreto legge 63/2013, il Bonus Mobili può essere senz’altro richiesto.

Nello specifico, quindi, si ha diritto al Bonus Mobili 2013 se il pagamento degli arredi avviene a partire da tale data. Nel decreto non è indicata una data di scadenza, ma, essendo l’agevolazione fiscale per la mobilia e gli elettrodomestici legata alla Detrazione 50% sulle ristrutturazioni, è consigliabile effettuare il bonifico parlante entro il 31 dicembre 2013.

Leggi le istruzioni per la compilazione corretta del bonifico parlante

Leggi i consigli per la causale corretta da apporre sul bonifico parlante nel caso del Bonus Mobili 2013 e nel caso dei Bonus Ristrutturazione e Ecobonus (Detrazione 65%)

Attenzione, poiché le modifiche al decreto non hanno effetto retroattivo, le spese documentate per l’acquisto dei grandi elettrodomestici rientrano nel Bonus Mobili 2013 solo se sono state sostenute dal 4 agosto 2013, data di entrata in vigore della legge 90/2013 di conversione del DL 63/2013.

Il nodo della data di inizio e fine dei lavori di ristrutturazione
Più fumosa è, purtroppo, la questione legata alla possibilità di sfruttare il Bonus Mobili 2013 se i lavori di ristrutturazione edilizia sono iniziati prima del 6 giugno 2013.

È certo che se i lavori sono iniziati prima del 6 giugno 2013, ma sono ancora in corso dopo tale data, si ha diritto al bonus sugli arredi. Stessa situazione per quei lavori di ristrutturazione che sono terminati prima del 6 giugno ma la cui comunicazione di fine lavori al Comune è stata depositata dopo la data di entrata in vigore del decreto legge 63/2013.

Decisamente incerta e ancora senza risposta la situazione di quei lavori che hanno beneficiato della Detrazione 50% ma che alla data del 6 giugno 2013 erano completamente terminati.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento