Service Tax 2014, ecco le ipotesi di spesa per proprietari e inquilini
Maggioli Editore


Service Tax 2014, ecco le ipotesi di spesa per proprietari e inquilini

Service Tax 2014, ecco le ipotesi di spesa per proprietari e inquilini

A poco meno di quattro mesi dal debutto della Service Tax, una cosa si può certamente affermare: il decreto che ha abolito l’IMU 2013 ha provocato un vero e proprio terremoto nell’ambito degli affitti degli alloggi.

La Service Tax, infatti, graverà sia sui proprietari degli immobili in locazione sia sugli inquilini. Resta da vedere quali saranno le ripartizioni delle spese tra i due soggetti. Per ora, quello che è certo, è la certezza che sarà a carico interamente degli inquilini la parte della Service Tax che coprirà i costi della gestione dei rifiuti urbani.

La parte riguardante i c.d. “servizi indivisibili”, invece, sarà ripartita tra locatore e locatario. A oggi le ipotesi sono quelle di fare gravare sugli inquilini una quota variabile dal 10 al 30% del pagamento di illuminazione pubblica, manutenzione strade, ecc. Il resto sarà a carico del proprietario.

Ricordiamo che sono due i punti fermi della nuova Service Tax: la sua struttura e la sua composizione. Riguardo quest’ultima, la nuova tassa sarà composta dalla TARI (la parte sui rifiuti) e la TASI (la parte sui rifiuti). E sarà la “parte TASI” che avrà il compito di compensare il gettito mancante dovuto all’abolizione dell’IMU 2013 decretata dal Governo Letta.

Sulla struttura, invece, è pacifico che la Service Tax sarà gestita dai Comuni che potranno caricarci le proprie aliquote, senza superare un tetto massimo stabilito dall’Esecutivo per evitare abusi.

Siamo nel campo delle indiscrezioni, ma circola l’ipotesi di una aliquota variabile nella forchetta compresa tra il 2 permille e il 6 permille.

Premettendo che saranno i Comuni a determinare l’esborso definitivo della Service Tax, alcune simulazioni eseguite dal quotidiano Il Giorno su alloggi ordinari (categoria catastale A/3) con un’ipotesi di aliquota al 2 permille in diverse città italiane danno questi risultati:

1. A Bologna l’abitazione principale andrebbe a pagare 861 euro, il proprietario di un alloggio locato pagherebbe oltre 2.000 euro e l’inquilino circa 500 euro.

2. A Firenze l’abitazione principale andrebbe a pagare 484 euro, il proprietario di un alloggio locato pagherebbe oltre 1.000 euro e l’inquilino poco meno di 300 euro.

3. A Milano l’abitazione principale andrebbe a pagare 800 euro, il proprietario di un alloggio locato pagherebbe quasi 2.000 euro e l’inquilino circa 500 euro.

4. A Roma l’abitazione principale andrebbe a pagare poco più di 600 euro, il proprietario di un alloggio locato pagherebbe circa 1.500 euro e l’inquilino circa 400 euro.

Sul fronte delle buone notizie, infine, come già segnalato in precedenza, ricordiamo l’abbassamento della cedolare secca dal 19% al 15% e il sostegno al fondo per gli affitti che il Governo ha stanziato (60 milioni di euro in due anni).


Articolo pubblicato il 6/09/2013 in Edilizia
Tags ,

4 Commenti per Service Tax 2014, ecco le ipotesi di spesa per proprietari e inquilini

  1. mauro
    06/09/2013 alle 12:58

    prendo l’esempio di Bologna ma se il proprietario deve pagare per una seconda casa in affitto piu’ di 2000 euro di service tax e poi ne deve pagare almeno altrettanti di imu e sull’irpef poi deve pagare le tasse a quanto poi la deve affittare la casa per fare reddito? Come si fa a non innalzare gli affitti? o mi sfugge qualcosa
    ringrazio chi mi rispone

    • pasquino
      08/09/2013 alle 12:52

      Facile…. basta capire che quando la coperta è corta basta tirarla via ai sudditi, mai alle spese inutili che non sto qui ad elencare. I comuni al momento sono obberati di lavoro per dare le consulenze esterne. servono? Si a rimpinguare il portafoglio dei politici. Purtroppo ci dobbiamo convincere che L’ ITALIA e ormai diventata la puttana dell’europa.

  2. Angelo
    06/09/2013 alle 20:28

    In 50 anni di vita i politici non sono cambiati per niente. Si sono alternati, ognuno ha applicato il proprio modo di vedere le cose, ha applicato le sue fantasiose tasse e piano piano ha fatto aumentare la pressione fiscale fino alle stelle. Mi sembra che sia giunta l’ora di cambiare, di mandare a casa tutti questi venditori di fumo, che si preoccupano dei loro interessi e trascurano quelli del popolo Italiano. Chi pagherà per tutti i morti causati dalle loro manovre, e per la sofferenza in cui è stata trascinata l’Italia?

  3. paolo
    09/09/2013 alle 09:51

    Quindi secondo questi infami tutto scaricato sulle case locate che in modo semplificativo verranno gravate di un ulteriore 80% di imu aggiuntiva che se sommata alla imu triplicata del 2012 e 2013 avremo la completa espropriazione del reddito della locazioni. .e noi che facciamo? ? Nulla. .se c’ e’ guerra guerra sia facciamoli fuori! !!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Fiere ed Eventi

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Triflex

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito