Il Decreto Semplificazioni 2013 approvato dal CdM il 15 giugno limita il campo del TU salute e sicurezza sul lavoro (Dlgs 81/2008), e precisamente il suo titolo IV, che regola la sicurezza nei cantieri temporanei, e prevede la semplificazione dei documenti obbligatori.

Già il Decreto 106/2009 ha escluso i seguenti lavori, se non comportano interventi edili o di ingegneria civile di cui all’allegato X:
1. su impianti elettrici;
2. su reti informatiche;
3. sulle reti del gas;
4. sulle reti dell’acqua;
5. sulle reti di riscaldamento e condizionamento.

A queste attività il Decreto legge Semplificazioni 2013 ha aggiunto i piccoli lavori con durata fino a dieci uomini /giorno e finalizzati a realizzazione o manutenzione delle infrastrutture per servizi senza lavori edili o di ingegneria civile. L’espressione “Dieci uomini/giorno” indica la somma delle giornate di lavoro necessarie a ultimare i lavori considerati in riferimento all’arco temporale di un anno dall’inizio dei lavori stessi.

Il Dl Semplificazioni rende più facile la compliazione del Piano Operativo di Sicurezza (POS), del fascicolo dell’opera e del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC). Per questi documenti saranno individuati modelli semplificati, il cui utilizzo rimane comunque legato alla documentazione obbligatoria.

Si tratta infatti di documenti la cui compilazione è piuttosto complessa.
Il POS deve essere redatto dal datore di lavoro dell’impresa per ciascun singolo cantiere e tutti i contenuti che deve avere sono riportati nell’allegato XV del Testo Unico della Salute e della Sicurezza nei luoghi di lavoro).
Il PSC e il fascicolo dell’opera sono redatti dal coordinatore per la progettazione. Nel caso del PSC i contenuti sono indicati all’allegato XV, quelli del fascicolo sono invece all’allegato XVI.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

Scrivi un commento