Il contributo di costruzione per la realizzazione delle opere edilizie non è sempre dovuto, ma vi sono casi di attività edilizia per i quali la determinazione del contributo stesso può essere ridotto o addirittura esentato del tutto.

Infatti, nei casi di edilizia abitativa convenzionata, relativa anche ad edifici esistenti, il contributo afferente al permesso di costruire è ridotto alla sola quota degli oneri di urbanizzazione qualora il titolare del permesso si impegni, a mezzo di una convenzione con il comune, ad applicare prezzi di vendita e canoni di locazione determinati ai sensi della convenzione-tipo.

Il contributo per la realizzazione della prima abitazione è pari a quanto stabilito per la corrispondente edilizia residenziale pubblica, purché sussistano i requisiti indicati dalla normativa di settore (sulla prima casa leggi anche il trattamento IVA nel Dossier IVA Agevolata Prima Casa).

Il contributo di costruzione non è dovuto, invece:

– per gli interventi da realizzare nelle zone agricole, ivi comprese le residenze, in funzione della conduzione del fondo e delle esigenze dell’imprenditore agricolo a titolo principale;

– per gli interventi di ristrutturazione e di ampliamento, in misura non superiore al 20%, di edifici unifamiliari;

– per gli impianti, le attrezzature, le opere pubbliche o di interesse generale realizzate dagli enti istituzionalmente competenti nonché per le opere di urbanizzazione, eseguite anche da privati, in attuazione di strumenti urbanistici;

– per gli interventi da realizzare in attuazione di norme o di provvedimenti emanati a seguito di pubbliche calamità;

– per i nuovi impianti, lavori, opere, modifiche, installazioni, relativi alle fonti rinnovabili di energia, alla conservazione, al risparmio e all’uso razionale dell’energia, nel rispetto delle norme urbanistiche, di tutela artistico-storica e ambientale.

Per gli interventi da realizzare su immobili di proprietà dello Stato il contributo di costruzione è commisurato alla incidenza delle sole opere di urbanizzazione.

Per il rilascio del permesso di costruire relativo agli interventi di edilizia abitativa di cui all’art. 17, comma 1, Testo Unico Edilizia (decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380), la regione approva una convenzione tipo, con la quale sono stabiliti i criteri nonché i parametri, definiti con meccanismi tabellari per classi di comuni, ai quali debbono uniformarsi le convenzioni comunali nonché gli atti di obbligo in ordine essenzialmente a:

– l’indicazione delle caratteristiche tipologiche e costruttive degli alloggi;

– la determinazione dei prezzi di cessione degli alloggi:

– la determinazione dei canoni di locazione in percentuale del valore desunto dai prezzi fissati per la cessione degli alloggi;

– la durata di validità della convenzione non superiore a 30 e non inferiore a 20 anni.

La regione stabilisce i criteri e i parametri per la determinazione del costo delle aree, in misura tale che la sua incidenza non superi il 20% del costo di costruzione come definito ai sensi dell’art. 16, d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380.

Il titolare del permesso di costruire può chiedere che il costo delle aree, ai fini della convenzione, sia determinato in misura pari al valore definito in occasione di trasferimenti di proprietà avvenuti nel quinquennio anteriore alla data della convenzione.

I prezzi di cessione ed i canoni di locazione determinati nelle convenzioni sono suscettibili di periodiche variazioni, con frequenza non inferiore al biennio, in relazione agli indici ufficiali ISTAT dei costi di costruzione intervenuti dopo la stipula delle convenzioni medesime.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

  1. salve, ho un caso particolare da esporre: sto per presentare un progetto per costruire casa su un fondo di mia proprietà. la casa ha carattere di ruralità in quanto è un terreno agricolo e mi permettono di costruirci solo perchè raggiungo il lotto minimo necessario di 3 ettari e devo dimostrare che il fondo lo coltivo pur non essendo agricoltore ho dovuto aprire la partita iva e dimostrare che coltivo. domanda devo pagare il contributo di costruzione (bucalossi)?.Preciso che il fondo non è servito da rete idrica pubblica, ne da fognatura, ne da illuminazione pubblica e il secchione della spazzatura è a oltre un km…che razza di oneri di urbanizzazione devo pagare se l’urbanizzazione da me non ci arriva? grazie

  2. Ho ottenuto una concessione edilizia in variante al PRG per la costruzione di un albergo in ampliamento ad un’attività commerciale preesistente su un terreno di mia proprietà. Dopo aver ricevuto i conteggi per gli oneri concessori e costruttivi per l’intera struttura ho chiesto al Comune, circa dieci anni fa senza mai ottenere risposta, il ricalcolo per le somme che già avevo pagato per l’immobile preesistente. Il comune non ha ancora realizzato, e reputo non lo farà mai, alcuna opera di urbanizzazione ne primaria e ne secondaria, tant’è che energia elettrica, illuminazione, acqua potabile, gas, fognature e parcheggi li ho realizzati in toto a mie spese. Voglio chiederVi se: visto che non ho ottenuto risposta se la mia richiesta di riduzione è accettata in forza del silenzio assenso; se mi spetta la riduzione degli oneri per il fabbricato preesistente; se posso ottenere una riduzione in forza del fatto che il comune non ha realizzato alcuna opera ……

Scrivi un commento