TAV Torino Lione
TAV Torino Lione

Si terrà lunedì 30 gennaio a Roma la firma che sancirà il nuovo trattato internazionale per il via libera a 8,7 miliardi di euro di investimenti per la realizzazione della linea Torino-Lione ad alta velocità. L’accordo sarà siglato dal Ministro dei trasporti francese e da Mario Ciaccia, viceministro italiano alle infrastrutture.

 

Il trattato è il seguito del precedente accordo di fine dicembre, che ha consentito la creazione di una società italo-francese per la direzione strategica e operativa dei lavori per la TAV.

 

L’accordo di dicembre prevede che i lavori principali partiranno nel 2013 e dureranno dieci anni, ma quelli per la galleria geognostica della Maddalena di Chiomonte, a pochi chilometri da Torino, dove nei mesi scorsi ci sono stati gli scontri fra No Tav e forze dell’ordine, cominceranno già nel 2012.  

 

Due le fasi previste per la realizzazione della TAV. Nella prima saranno realizzati il tunnel di base (lungo 57 chilometri) e due stazioni internazionali (a Susa, in Italia, e e a S.J. De Maurienne, in Francia) e già alla fine di questa fase la linea sarà operativa. Successivamente saranno realizzate le nuove parti di accesso, con modalità e tempi che saranno definiti in un ulteriore accordo.

 

La nuova linea – secondo i dati dell’Ufficio del Commissario straordinario della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la Torino-Lione – consentirà di trasferire su rotaia circa 700.000 camion all’anno e di ridurre a due ore i tempi di percorrenza fra Torino e Lione (ora sono quattro) e a quattro ore il viaggio fra Milano e Parigi (contro le attuali sette).

 

Fonte Ansa

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento