Manutenzioni, ristrutturazioni, lavori di restauro e recupero conservativo, il Testo Unico Edilizia enumera una vasta casistica … ma non sempre è facile definire in maniera netta in quale categoria rientra un determinato intervento. Non è solo una questione di “definire” l’intervento edilizio in base alle “caselle” del Testo Unico Edilizia.

La corretta definizione di un intervento edilizio, infatti, rappresenta un elemento fondamentale per capire quale titolo edilizio richiedere: sia esso il permesso di costruire, una DIA o una SCIA o … non serva nessun permesso formale!

Le difficoltà che si riscontrano per la qualificazione degli interventi sono molteplici e, purtroppo non esistono regole e prassi sempre uniformi nelle diverse amministrazioni pubbliche.

A conforto di quanto stiamo scrivendo ricordiamo quanto scritto da Michele Miguidi nella Guida Essenziale al Testo Unico Edilizia , che cita una recente sentenza della Corte di Cassazione penale (sentenza n. 5618/2012) nella quale si sottolinea come “il regime dei titoli edilizi non può essere eluso attraverso la suddivisione dell’attività edificatoria finale nelle singole opere che concorrono a realizzarla. […] L’opera (edilizia) deve essere considerata unitariamente nel suo complesso, senza che sia consentito scindere e considerare separatamente i suoi singoli componenti”.

Fuori dallo stile giuridico della sentenza, Miguidi spiega che i Giudici della Suprema Corte hanno voluto evidenziare come l’attività edilizia non può essere divisa in maniera artificiosa o burocratica per eludere le norme relative al rilascio dei titoli edilizi.

Ma sull’argomento, oltre alla Cassazione, si è pronunciata anche la Corte Costituzionale che nel 2011 ha fornito un importante concetto: “La linea di distinzione tra le ipotesi di nuova costruzione e quelle degli altri interventi edilizi non può essere dettata in modo uniforme sull’intero territorio nazionale, la cui morfologia identifica il paesaggio, considerato questo come la rappresentazione materiale e visibile della Patria” (C. Cost. sentenza n. 309/2011).

Ecco dunque, tenendo bene a mente queste difficoltà, abbiamo pensato di realizzare una serie di post di approfondimento curati da Michele Miguidi, che offrono utili informazioni sui diversi interventi contenuti nel Testo Unico Edilizia (scarica qui il testo integrale del Testo Unico Edilizia aggiornato).

Alla fine del nostro “viaggio” i lettori avranno delle schede con definizioni, esempi, casi di esclusione e riferimenti giurisprudenziali di tutte le tipologie di intervento edilizio definite dal Testo Unico Edilizia.

Sull’argomento ricordiamo anche il Dossier IVA agevolata in edilizia, che fornisce utili informazioni sulle tipologie di lavori edilizi e sulle definizioni base.

Qui di seguito ecco, in breve, un sommario dei prossimi appuntamenti su Ediltecnico.it:

– Interventi di manutenzione ordinaria: definizioni ed esempi

– Interventi di manutenzione straordinaria: definizioni e casi di giurisprudenza

– Interventi di restauro e risanamento conservativo: cosa si intende, quali modifiche non sono ammesse e una rassegna di casi

– Interventi di ristrutturazione edilizia: definizione ed esempi

– Interventi di nuova costruzione: le tipologie delle nuove costruzioni

– Interventi di ristrutturazione urbanistica: definizione

Guida essenziale al Testo Unico dell'edilizia

Guida essenziale al Testo Unico dell'edilizia

Michele Miguidi, Eugenio Lequaglie, 2012, Maggioli Editore

L'esigenza di disporre di un testo di supporto per l'interpretazione e l'applicazione della complessa normativa in materia edilizia e che abbia al contempo le caratteristiche di compattezza ed essenzialità, ha portato alla realizzazione di questa Guida.

54,00 € 48,60 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento