Fotovoltaico, l'Ue corre ai ripari contro i pannelli solari cinesi

La Commissione europea ha formalizzato la proposta per introdurre dei dazi provvisori sui pannelli solari importati dalla Cina e ha chiesto a un apposito comitato dei 27 paesi membri dell’Ue di  pronunciarsi in maniera definitiva in favore o meno della proposta.

La decisione definitiva dovrà essere presa entro il prossimo 5 giugno con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Ue.

I dazi provvisori andranno da un minimo del 35% ad un massimo del 67%, con una media del 47% – fanno sapere da Bruxelles – e dovrebbe interessare circa un centinaio di imprese. E’ in corso nel frattempo un’inchiesta anti-dumping condotta da Bruxelles, che si concluderà a inizio dicembre, al termine della quale l’Ue potrà decidere se confermare le misure per 5 anni.

Ricordiamo che ormai da mesi l’Europa sta facendo i conti con la concorrenza dei pannelli solari “made in China” prodotti a basso costo (45% in meno rispetto a quelli prodotti in Europa), che controllano ormai l’80% del mercato europeo con una produzione che è quadruplicata ne giro di pochi anni (leggi anche “Quando è il sole a fare concorrenza” della blogger Lucia Navone).

Le aziende made in Ue del settore fotovoltaico  costituiscono circa il 50% del mercato mondiale, in particolare  quelle italiane e tedesche che fino a poco tempo fa erano in competizione sul mercato, si trovano ora ad avere diverse difficoltà e l’introduzione dei dazi sui prodotti cinesi potrebbe far tirare loro un sospiro di sollievo.

 

 

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

  1. […] Per questo post si ringrazia: pannelli solari – Google Blog Search vi invitiamo a continuare la lettura su: Fotovoltaico, l'Ue corre ai ripari contro i pannelli solari cinesi […]

Scrivi un commento