Mancano meno di quattro mesi: a partire dal 13 agosto circa 2 milioni di iscritti agli Albi e agli Ordini professionali dovranno obbligatoriamente sottoscrivere una polizza di responsabilità civile (RC) che risarcisce i danni a terzi per errori commessi nello svolgimento dell’attività. Non c’è quindi molto tempo per decidere cosa fare. Ma quali offerte ci sono sul mercato?

Leggi anche Assicurazione RC Professionale: a quattro mesi dall’obbligo, ecco le criticità e Assicurazione RC professionale obbligatoria, come si muovono CNI e INARCASSA.

Oltre alle offerte delle compagnie generaliste e specializzate, iniziano a comparire sul mercato anche le offerte delle banche e delle Poste. Per esempio, Poste Assicura offre il Postaprotezione Albo, una copertura assicurativa, valida su tutto il territorio nazionale, per i professionisti che hanno un fatturato annuale non superiore o pari a 200 mila euro. Le poste batteranno i broker?

In generale, le compagnie stanno rivedendo le offerte, basandole su un nuovo approccio e su nuove politiche, il che significa nuovi prodotti, nuovi prezzi. È a questo punto che intervengono i broker, che hanno la possibilità di modulare offerte specifiche per i professionisti. Ed è a questo punto che i broker, che hanno la possibilità di rivolgersi anche al mercato estero, danno il meglio di sé, sapendo bene come muoversi per fare gola ai professionisti. Allora, ecco il motivo per cui ciascun broker tenta di immettere sul mercato la proposta più invitante, superando i concorrenti.

Le nuove proposte
Spesso, oltre alla RC verso terzi, vengono proposte soluzioni con maggiori garanzie (presenti in più della metà dell’offerta). La garanzia RC che copre le responsabilità derivanti dalla conduzione dello Studio è compresa nel 33% delle polizze ed è spesso inclusa (e non esclusibile) nel prodotto. Altre possibilità sono la Tutela legale e la Responsabilità civile dei prestatori d’opera (RCO), che spesso vanno a integrare la RC terzi (la Tutela legale viene proposta da più della metà delle Assicurazioni).

Così, oltre ai tradizionali massimali, retroattività, franchigie, scoperti, garanzie accessorie (i “vecchi” motivi su cui si faceva e si fa sempre leva per conquistare il cliente), si stanno ridefinendo tariffe mirate e flessibili. Le soluzioni di premio sono varie e variegate in particolare, nell’ambito dei tecnici, per i geometri.

Non c’è solo la possibilità di sottoscrivere una polizza individuale, ma si può scegliere di sottoscrivere anche una convenzione con l’Ordine di appartenenza. Di obbligo assicurativo per i professionisti, in particolare per gli ingegneri, parla anche Marco Belardi, Presidente degli Ingegneri di Brescia, nelle ultime battute dell’intervista rilasciata a Ingegneri.cc:

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento