Per i progettisti e per coloro che ogni giorno si trovano a fare i conti con prescrizioni e controlli sui materiali, il prossimo 1° luglio 2013 rappresenta una data importante. Entra infatti in vigore il nuovo regolamento EU 305/2011 che impone l’obbligo della marcatura CE sui prodotti da costruzioni e di cui abbiamo trattato qualche settimana fa, analizzando le novità più significative del testo (leggi in proposito il post dell’ing. Marco Torricelli Marcatura CE dei prodotti da costruzione: tutte le novità del regolamento EU 305/2011).

Grande è l’attesa per questo nuovo dispositivo europeo. Proprio per rispondere alle esigenze di informazione e di confronto da parte dei professionisti tecnici e degli progettisti, Maggioli Editore ha organizzato per il mese di maggio (a Modena il 16 maggio 2013 e a Brescia il 31 maggio 2013) un’iniziativa dal titolo Marcatura CE dei prodotti da costruzione: dalla direttiva n. 89/106 al regolamento n. 305/2011. A condurre entrambi gli incontri, proprio l’ing. Marco Torricelli che abbiamo incontrato per avere qualche informazione in più sulla scadenza del 1° luglio e sui seminari tecnici.

Ediltecnico.it Il 1° luglio 2013 entrerà in vigore il regolamento EU 305/2011 sulla marcatura CE. Non c’era anche prima l’obbligo della marcatura dei prodotti da costruzione? Ci spiega cosa cambierà?

Marco Torricelli. Sono parecchi anni che i materiali da costruzione devono avere la marcatura CE in ottemperanza alla direttiva europea 89/106. Di fatto il nuovo Regolamento manderà in pensione la vecchia direttiva confermando comunque l’obbligo di marcatura dei materiali. Il regolamento conferma l’impianto generale della direttiva.

Ci saranno alcune semplificazioni per i prodotti fabbricati in esemplare unico, per quelli fabbricati direttamente in cantiere e per quelli fabbricati ad hoc per il restauro. Cambieranno le informazioni che dovranno essere presenti sull’etichettatura e verrà introdotta la Dichiarazione di Prestazione, una sorta di carta d’identità del prodotto.

Ediltecnico.it Cosa significa marcature CE un prodotto?

Marco Torricelli. Giusta domanda. Quando un prodotto è marcato CE significa che il produttore ha predisposto un sistema organizzato e documentato di controllo sulla (a volte) progettazione e (sempre) sulla fabbricazione del prodotto stesso.

In sostanza, il fabbricante segue regole standardizzate per controllare le materie prime, i macchinari, la produzione e i requisiti del prodotto finito. Si ha dunque la ragionevole certezza che il prodotto abbia i requisiti conformi agli standard richiesti.

Ediltecnico.it Qualsiasi prodotto da costruzione deve avere la marcatura CE?

Marco Torricelli. No, l’elenco dei prodotti che devono essere marcati CE secondo, oggi la direttiva 89/106, e dal 1° luglio secondo il regolamento, viene pubblicato periodicamente sulla Gazzetta Ufficiale Europea. L’ultimo elenco è stato pubblicato sulla Gazzetta n. C59 del 28 febbraio 13. L’elenco è comunque molto vasto e comprende materiali di tutti i tipi: edili ed impiantistici, strutturali e non.

Ediltecnico.it In un suo intervento di qualche settimana fa su queste pagine lei ha scritto che la nuova norma prevede anche il tema della sostenibilità ambientale. Possiamo dire quindi che la marcatura CE diventa, per il prodotto di costruzione, anche un certificato di eco-compatibilità?

Marco Torricelli. Oggi affermare questo è eccessivo. Di certo nella progettazione e costruzione delle opere si dovrà tenere conto del nuovo requisito di base “Uso sostenibile delle risorse naturali”. Bisogna però ricordare che tale requisito non sarà cogente a priori a livello nazionale. Lo potrà diventare solo se gli Stati membri lo adotteranno ufficialmente come tale.

Ediltecnico.it Nel mese di maggio si terranno dei seminari in cui lei parteciperà come relatore. Ci può anticipare quali saranno i contenuti di questi momenti di formazione?

Marco Torricelli. I seminari tratteranno l’aspetto generale della qualificazione dei prodotti da costruzione soffermandoci sulle casistiche previste dalle Norme Tecniche per le Costruzioni (d.m. 14 gennaio 2008).

La qualificazione attraverso la Marcatura CE sarà sviluppata approfonditamente a partire dalla direttiva, confrontando le vecchie regole con le nuove entranti dal 1° luglio. Per capire la marcatura CE dei prodotti da costruzione secondo il nuovo regolamento è utile partire a ritroso dalla vecchia direttiva perché i punti comuni sono davvero tanti.

Ci saranno parti teoriche e parti pratiche in cui si spiegherà e vedrà come organizzare operativamente il controllo in accettazione dei materiali in cantiere con l’ausilio di check list.

Ediltecnico.it Chi può partecipare ai seminari?

Marco Torricelli. I seminari potranno trovare certamente l’interesse di tutti coloro che a vario titolo si trovano a fare i conti con prescrizioni e controlli sui materiali. Sto pensando ad esempio ai progettisti che devono stilare capitolati, ai professionisti della Direzione Lavori e del Collaudo, ai Tecnici di impresa che tutti i giorni in cantiere si trovano a maneggiare i materiali.

Non ci resta, dunque, che dare appuntamento all’ing. Marco Torricelli e ai partecipanti ai due incontri previsti, che, ricordiamo, si terranno a Modena il 16 maggio 2013 e a Brescia il 31 maggio 2013.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

  1. Esiste un sito ufficiale, ad esempio di un Ministero o del C.S.LL.PP., al quale fare riferimento per avere l’elenco aggiornato dei materiali che hanno l’obbligo della marcatura CE? E l’elenco delle aziende con il n° della marcatura CE ottenuto per i singoli prodotti?
    Grazie

Scrivi un commento