Dopo esserci occupati dell’IVA agevolata in edilizia applicata ai beni finiti, con l’illustrazione della procedura di calcolo (leggi IVA agevolata in edilizia e beni significativi, la procedura di calcolo) e avere trattato del regime IVA da applicare alle materie prime e ai semilavorati in edilizia (leggi Il regime IVA delle materie prime e semilavorate in edilizia), chiudiamo il cerchio analizzando il tema della cessione di beni finiti per rispondere alle seguenti domande:

1. Quali sono i beni finiti in edilizia?

2. Quando si applica il regime di IVA agevolata in edilizia al 4% per la cessione di beni finiti?

3. Quando si applica il regime di IVA agevolata in edilizia al 10% per la cessione di beni finiti?

Per beni finiti in edilizia si intendono quelli che anche successivamente al loro impiego nella costruzione o nell’intervento di recupero non perdono la loro individualità, pur incorporandosi nell’immobile.

I beni finiti in edilizia

Proponiamo qui di seguito un elenco di beni finiti in edilizia:
– Ascensori

– Attrezzature di stoccaggio, trasporto e lavorazione di prodotti agricoli destinati a essere incorporati in complessi agricolo-produttivi

– Attrezzature sanitarie e impianti destinati a costituire elementi strutturali di edifici ospedalieri di nuova costruzione

– Caminetti

– Impianti di preparazione e distribuzione di mangimi, per la mungitura e l’alimentazione meccanica degli animali destinati a essere incorporati in complessi agricolo-produttivi

– Impianti di riscaldamento ad energia solare

– Infissi interni ed esterni

– Montacarichi

– Porte a scomparsa

– Prodotti per impianti a gas

– Prodotti per impianti di riscaldamento

– Prodotti per impianti elettrici

– Prodotti per impianti idrici

– Sanitari per bagno

– Scale a chiocciola

– Tubi in gres ceramico e loro raccordi

– Vasche e botti di cemento per vino e altri prodotti alimentari destinati a essere incorporati in fabbricati rurali agevolati.

Per saperne di più consigliamo l’ebook con la Guida all’applicazione dell’IVA per gli interventi edilizi aggiornata alle ultime novità legislative.

Iva in edilizia: come applicarla

Iva in edilizia: come applicarla

Lisa De Simone, 2016, Maggioli Editore

Questo ebook affronta in modo operativo le problematiche relative alla gestione dell'IVA nel mondo dell'edilizia e degli immobili,Oltre al commento delle singole fattispecie è presente, per maggiore supporto pratico, una sezione di casi risolti. L'esposizione viene...

12,90 € 9,90 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

IVA agevolata in edilizia al 4% per la cessione di beni finiti

L’aliquota del 4% è applicabile alla cessione di beni finiti forniti per la costruzione anche in economia di fabbricati di tipo economico, aventi le caratteristiche richieste dalla legge 408/1949 Disposizioni per l’incremento delle costruzioni edilizie (la c.d. Legge Tupini), nonché delle costruzioni rurali.

IVA agevolata in edilizia al 10% per la cessione di beni finiti

Le cessioni di beni finiti sono assoggettate all’aliquota ridotta del 10% quando gli stessi sono forniti per la realizzazione di:
– opere di urbanizzazione primaria e secondaria

– linee di trasporto metropolitane tramviarie e altre linee a impianto fisso

– impianti di produzione e reti di distribuzione di calore-energia (teleriscaldamento)

– impianti di produzione e distribuzione di energia da fonte fotovoltaica ed eolica

– impianti di depurazione destinati al collettamento con reti fognarie

– edifici di cui all’art. 1 della legge 659/1961 assimilati ai fabbricati di tipo economico di cui alla legge 1949/408

– altri edifici o impianti equiparati alle opere di urbanizzazione

Per quanto riguarda il trattamento di aliquota IVA applicabile alla cessione di beni finiti per la realizzazione di interventi di recupero, occorre fare riferimento all’art. 4, comma 2 del d.l. 557/1993 che riformulando il n. 24 della parte seconda  e il n. 127-terdecies della parte terza della tabella A, allegata al d.P.R. 633/1972 assoggetta alla aliquota del 10% tutte le cessioni di beni finiti forniti per la realizzazione degli interventi di recupero agevolati (articolo 2, lett. c), d) e f) del Testo Unico Edilizia).

L’applicazione dell’aliquota di IVA agevolata ridotta, prevista solo nella fase finale di commercializzazione dei beni, è subordinata al rilascio di una dichiarazione scritta da parte dell’acquirente (scarica i fac-simile delle dichiarazioni dal nostro speciale Dossier IVA agevolata in edilizia).

Sullo stesso argomento è uscito anche il pratico Prontuario sull’applicazione dell’IVA agevolata per i lavori edilizi in formato digitale con 250 casi pratici risolti sia per l’aliquota 10% che per quella 4%.

Per chi desidera, a un prezzo speciale, è possibile avere entrambi gli ebook (Guida all’applicazione e Prontuario di casi risolti) a un prezzo speciale.

Prontuario operativo per l'IVA agevolata in edilizia

Prontuario operativo per l'IVA agevolata in edilizia

L. De Simone, 2016, Maggioli Editore
L'ebook offre una raccolta completa di 250 casi pratici e quesiti risolti relativi all'applicazione dell'IVA agevolata in edilizia per l'acquisto di immobili, box auto, lavori di manutenzione e ristrutturazione e per l'abbattimento delle barriere architettoniche. L'opera è...

12,90 € 10,96 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

8 Commenti

  1. sono un proprietario di un immobile in costruzione, quale 1^ casa. chiedo gentilmente un elenco dei materiali di cui mi posso avvalere dell’iva agevolata al 4%

  2. sono proprietario di un immobile in costruzione, quale prima casa, chiedo se posso comprare direttamente alla ditta gli infissi (con iva agevolata al 4%) senza posa in opera. grazie

  3. sono un proprietario di un terreno edificabile su cui dovrei costruire una prima casa. Chiedo gentilmente un elenco dei materiali per i quali mi posso avvalere dell’iva agevolata al 4% visto che l’impresa edile fornisce esclusivamente la manodopera. In questo caso l’iva sulle materie prime va al 4% se c’è la posa del materiale stesso da parte del fornitore?
    inoltre chiedo se gli allacciamenti (enel-gas-acqua) rientrano nel regime dell’iva agevolata al 4%?
    grazie

  4. Salve,
    vorrei chiedere se la realizzazione di impianti di riscaldamento e idrici, da realizzarsi in appalto per un privato che costruisce una seconda casa “tupini”, può scontare l’iva sui “beni finiti ” al 4% ad esempio sulla caldaia o sulle pompe di calore che l’appaltatore ha acquistato al 22%. Grazie

  5. sono un proprietario di un immobile in costruzione con requisiti 1^ casa. sono a richiedere gentilmente delucidazioni su aliquota iva da applicare per :

    – acquisto pavimenti (solo materiale, la posa viene fatta in economia)

    – acquisto materiale cartongesso (solo materiale, la posa viene fatta in economia)

    – porte interne, fornitura e posa ed eventualmente solo la fornitura

    – tende oscuranti motorizzate (in sostituzione agli scuri e/o persiane) fornitura e posa

    – acquisto materiale per realizzazione parapetti/ringhiere/cancelli (solo acquisto materiale, realizzazione in economia)

    – sanitari e rubinetteria : acquisto direttamente il materiale in negozio e l’installazione viene eseguita da un idraulico di fiducia, in questo caso devo calcolare il valore del bene finito e quello della manodopera?

    richiedo inoltre gentilemente un elenco dei materiali di cui mi posso avvalere dell’iva agevolata al 4%.

    grazie

  6. Salve, sto eseguendo lavori di ristrutturazione mediante demolizione e ricostruzione per seconda casa, mi hanno detto che per beni finiti, quali i sanitari, posso chiedere l’applicazione dell’IVA al 4%, è vero?
    Grazie

  7. Salve, sto eseguendo lavori di completamento su una seconda casa, quale aliquota devo applicare per i beni finiti acquistati direttamente da me e quale per le prestazioni?
    quali sono le prestazioni che possono usufruire delle agevolazioni iva se ci sono?
    Grazie

Scrivi un commento