Terremoto Emilia, domande di contributo da presentare entro il 30 giugno

Con le ordinanze 43,44 e 45 del 29 marzo 2013 la Regione Emilia Romagna ha apportato alcuni miglioramenti nelle procedure di domanda di contributo e per anticipazioni di finanziamenti sui contributi. 

In particolare ci sarà più tempo per presentare le domande di contributo per interventi già avviati di ristrutturazione di edifici e abitazioni danneggiate dal sisma e al tempo stesso viene introdotta la possibilità di richiedere, all’atto di approvazione della domanda di contributo, un’anticipazione del finanziamento. 

In seguito al costante confronto con le istituzioni locali, i cittadini e gli ordini professionali, la Regione ha deciso di apportare alcuni miglioramenti a ordinanze precedenti, in modo da poter agevolare l’opera di ricostruzione.

In particolare, su interventi già avviati per la riparazione e il ripristino di edifici e abitazioni danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012, e temporaneamente o parzialmente inagibili, viene posticipato al 30 giugno il termine (precedentemente fissato al 2 aprile) entro cui occorre presentare in Comune la domanda di contributo.

Sarà inoltre possibile richiedere, all’atto di approvazione del finanziamento, un’anticipazione del 15 o 20% a seconda dell’entità dei lavori.

Per le altre news sul terremoto in Emilia e la ricostruzione post sisma sono disponibili le altre news “terremoto Emilia“.

Fonte: Regione Emilia Romagna

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento