Maggioli Editore


Ecco i lavori di manutenzione straordinaria per l’IVA agevolata al 10%

Ecco i lavori di manutenzione straordinaria per l’IVA agevolata al 10%

La scorsa settimana abbiamo trattato dell’IVA agevolata con l’aliquota ridotta del 10% da applicare ai lavori di manutenzione ordinaria (in proposito leggi il post L’IVA agevolata in edilizia al 10% nei lavori di manutenzione ordinaria). Oggi concentriamo l’attenzione sugli interventi edilizi di manutenzione straordinaria, per capire quando si può scontare l’aliquota ridotta e quando, invece, è necessario applicare il regime IVA ordinario.

Come per le manutenzioni ordinarie, anche le manutenzioni straordinarie eseguite su immobili a prevalente destinazione abitativa scontano l’IVA agevolata del 10%. Per tutti gli altri immobili resta applicabile l’aliquota ordinaria.

Entrando nel dettaglio delle norme, i lavori di manutenzione straordinaria sono soggette all’aliquota del 10% in virtù di una specifica agevolazione fiscale presente al numero 127-duodecies della tabella A, parte terza, allegata al d.P.R. 633/1972 anche se effettuate su edifici di edilizia residenziale pubblica (la cosiddetta ERP).

Anche per la manutenzione straordinaria, il committente deve consegnare all’impresa che esegue i lavori una dichiarazione specifica. Per scaricare i modelli fac simile della dichiarazione da consegnare all’artigiano o all’impresa è possibile consultare la pagina del Dossier IVA agevolata in edilizia.

L’elemento di differenza per l’applicazione dell’IVA agevolata in edilizia tra la manutenzione ordinaria e quella straordinaria (oltre alla tipologia diversa dei lavori) è che questi ultimi richiedono la DIA al Comune di appartenza.

Lavori di manutenzione straordinaria, quali sono
Chiarito il discorso sul tema del regime IVA da applicare, è opportuno spendere qualche parola su cosa si intende per lavori di manutenzione straordinaria. Questi ultimi riguardano le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti strutturali degli edifici, a patto che non alterino i volumi, superfici delle singole unità abitative e la destinazione d’uso.

Un elenco non esaustivo di interventi di manutenzione straordinaria include.

- sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande, con modifica di materiale e di tipologia di infisso;

- realizzazione e adeguamento di opere accessorie come canne fumarie, centrali termiche, scale di sicurezza, ascensori, ecc.);

- consolidamento delle strutture nelle fondazioni o in elevazione;

- rifacimento di scale e rampe;

- realizzazione di chiusure o aperture interne che non modifichino lo schema distributivo delle unità immobiliari e dell’edificio;

- realizzazione di recinti, muri di cinta e cancellate;

- interventi finalizzati al risparmio energetico.


Articolo pubblicato il 5/04/2013 in Edilizia
Tags , ,

22 Commenti per Ecco i lavori di manutenzione straordinaria per l’IVA agevolata al 10%

1 3 4 5
  1. salvatore
    31/03/2014 alle 17:50

    Salve,ho deciso di fare degli interventi nell’appartamento che abitiamo e che siamo proprietari al 50% io e al 50% mia moglie,i lavori comprendono sostituzione di due infissi,applicazione di quattro inferiate, e impianto di sistema di allarme,questi lavori rientrano nell’agevolazione dell’IVA al 10%?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Fiere ed Eventi

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Triflex

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito