Maggioli Editore


Ecco i lavori di manutenzione straordinaria per l’IVA agevolata al 10%

Ecco i lavori di manutenzione straordinaria per l’IVA agevolata al 10%

La scorsa settimana abbiamo trattato dell’IVA agevolata con l’aliquota ridotta del 10% da applicare ai lavori di manutenzione ordinaria (in proposito leggi il post L’IVA agevolata in edilizia al 10% nei lavori di manutenzione ordinaria). Oggi concentriamo l’attenzione sugli interventi edilizi di manutenzione straordinaria, per capire quando si può scontare l’aliquota ridotta e quando, invece, è necessario applicare il regime IVA ordinario.

Come per le manutenzioni ordinarie, anche le manutenzioni straordinarie eseguite su immobili a prevalente destinazione abitativa scontano l’IVA agevolata del 10%. Per tutti gli altri immobili resta applicabile l’aliquota ordinaria.

Entrando nel dettaglio delle norme, i lavori di manutenzione straordinaria sono soggette all’aliquota del 10% in virtù di una specifica agevolazione fiscale presente al numero 127-duodecies della tabella A, parte terza, allegata al d.P.R. 633/1972 anche se effettuate su edifici di edilizia residenziale pubblica (la cosiddetta ERP).

Anche per la manutenzione straordinaria, il committente deve consegnare all’impresa che esegue i lavori una dichiarazione specifica. Per scaricare i modelli fac simile della dichiarazione da consegnare all’artigiano o all’impresa è possibile consultare la pagina del Dossier IVA agevolata in edilizia.

L’elemento di differenza per l’applicazione dell’IVA agevolata in edilizia tra la manutenzione ordinaria e quella straordinaria (oltre alla tipologia diversa dei lavori) è che questi ultimi richiedono la DIA al Comune di appartenza.

Lavori di manutenzione straordinaria, quali sono
Chiarito il discorso sul tema del regime IVA da applicare, è opportuno spendere qualche parola su cosa si intende per lavori di manutenzione straordinaria. Questi ultimi riguardano le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti strutturali degli edifici, a patto che non alterino i volumi, superfici delle singole unità abitative e la destinazione d’uso.

Un elenco non esaustivo di interventi di manutenzione straordinaria include.

- sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande, con modifica di materiale e di tipologia di infisso;

- realizzazione e adeguamento di opere accessorie come canne fumarie, centrali termiche, scale di sicurezza, ascensori, ecc.);

- consolidamento delle strutture nelle fondazioni o in elevazione;

- rifacimento di scale e rampe;

- realizzazione di chiusure o aperture interne che non modifichino lo schema distributivo delle unità immobiliari e dell’edificio;

- realizzazione di recinti, muri di cinta e cancellate;

- interventi finalizzati al risparmio energetico.


Articolo pubblicato il 5/04/2013 in Edilizia
Tags , ,

30 Commenti per Ecco i lavori di manutenzione straordinaria per l’IVA agevolata al 10%

1 4 5 6
  1. MARIO MASCIA
    30/11/2014 alle 00:06

    Io ho aquistato casa ma ho fatto la dia con progetto e ho fatto spostamenti di tramezzi aperto una porta e fatto una finestra sto mettendo le matonelle rifatto i bagni, messo le porte interne nuove, metto le tapparelle coibentate nuove, e acquisto i mobili. Cosa di tutto ció mi devono fare l’iva al 10%. Preciso che i lavori me li sto facendo tutti io in economia senza nessuna ditta.

  2. ETess
    01/12/2014 alle 17:34

    @ Mascia. Secondo me facendoti tu i lavori in economia non sconti nulla al 10% in quanto l’acquisto di materiali o di beni direttamente dal committente non è agevolato. Sconta l’IVA piena.

  3. vincenzo
    14/01/2015 alle 21:00

    salve,

    sto effettuando dei lavori di manutenzione straordinaria con una SCIA, ma mi trovo in dubbio con l’iva. io ho fatto o farò fare:

    - lavori idraulici (rifacimento bagni) 10%
    - lavori elettrici (sistemazione impianto) 10 %
    - lavori edili (pavimento nuovo e spostamento pareti) 10 %
    - acquisti da parte mia del lavabo del bagno 10%
    - acquisti da parte mia dei pavimenti 22%
    - acquisti da parte mia scaldabagno a gas 10%
    - acquisti da parte mia rubinetteria 10%
    - acquisti da parte mia sanitari 10%

    è corretto?

  4. Monica
    23/01/2015 alle 13:06

    Buongiorno
    sto progettando la ristrutturazione totale del mio appartamento. Dovrò abbattere e ricostruire pareti, creare una camera in più, rifare ed ingrandire il bagno, realizzare un ripostiglio ed un locale lavanderia, realizzare un nuovo impianto elettrico ed idraulico, sostituzione pavimenti e sostituzione serramenti interni e persiane. Proprio rispetto a questa ultima voce, ho chiesto a chi mi ha fatto il preventivo per i serramenti se, nel mio caso, fosse possibile applicare l’iva al 10% sull’intero importo della fornitura+mano d’opera e mi hanno detto che non è possibile e l’iva agevolata andrà applicata solo su una parte dell’importo e sul restante importo invece applicheranno l’iva al 22. Ho letto sul sito dell’agenzia delle entrate che invece in caso di ristrutturazione sostanziale, come nel mio caso, si applica l’aliquota del 10 sul totale dell’importo…. come stanno effettivamente le cose??
    grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Fiere ed Eventi

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Renzo Piano e La Scheggia, il grattacielo di Londra

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito