Novità nel panorama dei software di progettazione per calcolo strutturale, per l’antisismica e per la progettazione architettonica. Le ultime release 2013, in particolare, provengono dalla STS (Software Tecnico Scientifico), azienda italiana conosciuta per la realizzazione di software di progettazione a uso di ingegneri e progettisti, tra cui CDS per il calcolo strutturale (per approfondire è possibile consultare la scheda STS: software di progettazione, le release 2013).

Sul versante dei software di progettazione per il calcolo strutturale, nel dettaglio, il CDS WIN OpenSees in aggiornamento propone numerosi potenziamenti dell’applicativo tra cui la funzionalità dei vincoli dissipativi ed elastici non lineari che consentono di modellare il comportamento di dispositivi antisismici di recente realizzazione, impiegati sia per l’adeguamento o il miglioramento sismico dei capannoni industriali che nelle strutture intelaiate in legno.

Le altre novità riguardano anche la possibilità della visualizzazione deformata dinamica Non Lineare anche in animazione e la Modellazione Non Lineare delle tamponature secondo le indicazioni della FEMA, che permette di considerare il contributo delle tamponature nel comportamento strutturale.

Tra i potenziamenti citiamo anche i Dissipatori isteretici nelle Push Over a fibre e i Dissipatori isteretici e/o viscosi nel calcolo Dinamico Non Lineare.

Sempre in ambito dei software di progettazione per il calcolo strutturale STS propone per il 2013 il nuovo modulo I.D.A. OpenSees Analisi Dinamica Incrementale per strutture intelaiate in calcestruzzo armato, che consente di superare i limiti del Calcolo Pusher Over previsti nella NTC 2008, ed i casi di strutture prive di impalcato rigido. Il modulo consente di modellare.

Sul tema dell’adeguamento sismico dei capannoni industriali, la STS rilascia  un nuovo modulo a listino Capannoni industriali, che consente le verifiche locali dei capannoni industriali sviluppate facendo riferimento alle linee guida del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

Per il calcolo strutturale di manufatti in legno si segnala, infine, Shell in Legno X-Lam (bonus annuale). Si tratta di una nuova funzionalità che permette di modellare strutture aventi pareti strutturali in legno X-Lam. È possibile tenere in conto il comportamento a lastra, a piastra e lastra/piastra.

Sempre sull’argomento dei software di progettazione per il legno c’è anche Nodi in Legno (in aggiornamento). In questo caso le più comuni tipologie di sottostrutture di Unioni in Legno sono state implementate in modo che il programma possa riconoscere automaticamente la tipologia geometrica di appartenenza dell’unione e seguirne la verifica. L’input è guidato da un’apposita procedura grafica che mostra anche il particolare esecutivo del nodo costruttivo.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento