Green economy e riqualificazione del costruito, le proposte del PD

Per superare la situazione di difficile stallo conseguente al risultato delle recenti elezioni politiche, il leader del Pd Pierluigi Bersani fa il primo passo propone un programma di otto punti.

Intervista al programma televisivo Che tempo che fa, il leader del partito “che è arrivato primo ma non ha vinto” ha precisato di non essere disposto a fare scambi di sedie, ma di voler andare in Parlamento con proposte concrete, e precise, sul quale crede che il Movimento 5 Stelle possa convergere per “responsabilità verso il paese”.

Ecco gli 8 punti lanciati da Bersani, che dovranno essere confermati in questi giorni dalla riunione di Direzione del Partito:
–  una legge contro la corruzione e contro la mafia;
– misure contro il conflitto d’interesse e per ridurre i costi della politica;
– una riforma dei partiti;
– interventi immediati sull’ urgenza sociale,
– rilancio positivo dell’economia  e dei diritti, come quello di cittadinanza e delle coppie omosessuali, sulla scuola e il diritto allo studio.

Tra queste proposte il leader del Pd ha annunciato anche la riabilitazione del costruito senza un ulteriore consumo di suolo del nostro territorio (proposta più volte lanciata dalle associazioni ambientaliste come Legambiente, ma anche dall’Ance dal Cnappc ), i pagamenti alle imprese  e la green economy tra i punti di rilancio della nostra economia (leggi anche “Rilancio dell’edilizia e pagamenti delle p.a., cosa resterà delle promesse elettorali?” e “Elezioni, Cnappc: “La rigenerazione delle città tra le priorità dell’agenda politica”“).

Di seguito il video dell’intervista di Pierluigi Bersani alla trasmissione di Rai3 Che tempo che fa di ieri 3 marzo 2013 (Fonte Rai tv)

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

  1. Ma chi la progetta la RIGENERAZIONE? Sempre gli uffici comunali? E perchè non con i Concorsi di progettazione per ricercare qualità e competitività? Caro Bersani, si facciano proposte complete e non a metà, come liberi professionisti vorremmo essere parte attiva e non risucchiati dal 2%.

Scrivi un commento