Professionisti, contributo integrativo va addebitato a clienti esteri

Confprofessioni ha reso noto il documento “Cinque idee per l’Italia” che verrà sottoposto agli schieramenti politici nel corso del tour pre-elettorale che vedrà coinvolti i vertici della Confederazione italiana libere professioni in incontri dedicati su tutto il territorio nazionale con oltre 50 esponenti delle forze politiche in corsa per le elezioni politiche e regionali del prossimo 24-25 febbraio. Ecco quali sono i cardini che devono ispirare l’azione politica del prossimo Governo secondo Confprofessioni:
– riduzione della spesa e lotta agli sprechi;
– semplificazione burocratica e lotta alle inefficienze;
– riforma del fisco e detassazione;
– riforma di un mercato del lavoro più inclusivo;
– piano straordinario per l’inserimento dei giovani nel lavoro.

Ha spiegato il presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella: “Si tratta di un piano di rilancio per la crescita economica, occupazionale e sociale di un settore produttivo quale quello delle professioni che mira a favorire la competitività degli studi professionali attraverso incentivi per l’assunzione di giovani e donne, tagli al costo del lavoro, detassazione dei premi di produttività, sostegno agli investimenti, promozione della formazione, della ricerca e dell’innovazione”.

Scarica il documento di Confprofessioni.

Scarica la lettera d’impegno proposta ai politici da Confprofessioni.

Confprofessioni ha reso noto anche il calendario di incontri con i politici: leggilo qui.

Conclude Gaetano Stella: “Oggi, più che mai, è indispensabile un contenimento dei costi della politica e degli sprechi, anche attraverso una riduzione di tutti quei fattori burocratici che sono fonte di inefficienza di un sistema.  Le proposte da noi formulate non possono che andare nella direzione di una ragionevole e sostenibile implementazione di qualsiasi forma di sussidiarietà inclusiva”.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento