TARES ad aprile! No a luglio! No anticipata a maggio! Dopo il tira e molla di queste settimane sulla data di scadenza della prima rata della TARES, il nuovo tributo sulla gestione dei rifiuti che andrà a sostituire da quest’anno la TARSU e la TIA, è arrivata la conferma: si inizieranno a pagare le rate a partire da luglio 2013.

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 28 del 2 febbraio scorso, infatti, è stata pubblicata la legge 11/2013 di conversione del decreto legge n. 1 del 14 gennaio 2013 recante: Disposizioni urgenti per il superamento di situazioni di criticità nella gestione dei rifiuti e di taluni fenomeni di inquinamento ambientale.

Il decreto, ormai diventato legge dello Stato, specifica che il versamento della TARES tributo, è effettuato in quattro rate trimestrali, scadenti nei mesi di gennaio, aprile, luglio e ottobre.

I Comuni possono però variare la scadenza e il numero delle rate di versamento.

Per l’anno 2013, il termine di versamento della prima rata della TARES è comunque posticipato a luglio, ferma restando la facoltà per il Comune di posticipare ulteriormente tale termine.

Pare dunque naufragare l’ipotesi di un ennesimo decreto legge che avrebbe dovuto anticipare a primavera il pagamento della prima rata della TARES, come prefigurato dalle recenti dichiarazioni del sottosegretario all’ambiente, Tullio Fanelli (leggi anche Caos TARES, in vista un nuovo decreto legge?).

Ricordiamo che a pagare saranno tutti i detentori e gli occupanti delle aree suscettibili di produrre rifiuti, cioè esattamente gli stessi soggetti alla vecchia TARSU e TIA, ma con una novità. Rientrano nell’applicazione della TARES anche i proprietari di locali il cui utilizzo sia temporaneo e non superiore ai 6 mesi.

Sono escluse dal pagamento le aree pertinenziali scoperte delle abitazioni private, ma non quelle delle attività produttive e commerciali.

Costerà di più delle vecchie TIA o TARSU. Il sovrapprezzo sarà di 30 centesimi di euro al metro quadro (ma i Comuni avranno la facoltà di aumentarlo anche del 30%, fino a un massimo di 40 centesimi di euro al metro quadro).

La TARES prevede anche il finanziamento dei servizi c.d. indivisibili, come la manutenzione delle strade, l’illuminazione pubblica, ecc.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento