Scatta la fase 2 nella procedura per l’accatastamento degli immobili fantasma. L’Agenzia del Territorio ha infatti diramato l’elenco dei Comuni interessati dalla seconda fase dell’attività di attribuzione della rendita presunta ai fabbricati non dichiarati in Catasto.

Inoltre, sul sito internet dell’Agenzia del Territorio è disponibile per la consultazione, a partire da venerdì 30 novembre 2012, l’elenco delle particelle di catasto terreni e le corrispondenti unità immobiliari urbane del catasto edilizio urbano, oggetto di attribuzione di rendita presunta per tutti i Comuni interessati.

I termini per la proposizione del ricorso avverso gli atti di attribuzione della rendita presunta iniziano a decorrere trascorsi 60 giorni dalla data di pubblicazione del presente Comunicato nella Gazzetta Ufficiale.

Per le unità immobiliari alle quali è stata attribuita la rendita presunta, i soggetti obbligati devono provvedere alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale, con le modalità previste dall’art. 1 del decreto del Ministro delle finanze 19 aprile 1994, n. 701, entro 120 giorni dalla pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale, del Comunicato. La mancata presentazione dell’atto di aggiornamento entro tale termine, comporta l’applicazione delle sanzioni

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento