A fine ottobre la VIII Commissione della Camera dei Deputati (ambiente, territorio e lavori pubblici) ha inserito nel proprio parere sulla Legge di Stabilità per l’anno 2013 la condizione che si includa una disposizione per stabilizzare la detrazione 55% per gli interventi di risparmio energetico in edilizia e per estenderlo anche agli interventi di messa in sicurezza antisismica.

A scriverlo in una nota è Ermete Realacci, responsabile green economy del Partito Democratico e firmatario del Manifesto per la Detrazione 55% di FederlegnoArredo, PVC Forum Italia e Uncsaal, Stabilizzazione del 55%: il Governo ne tenga conto.

La disposizione approvata chiede infatti di stabilizzare, o almeno prolungare fino al 31 dicembre 2013, la misura delle detrazione di imposta per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici – la c.d. detrazione 55% appunto – e di prevedere la suddetta agevolazione fiscale anche per le opere di consolidamento antisismico al fine di migliorare la sicurezza del patrimonio edilizio.

L’agevolazione, si legge nella nota di Realacci pubblicata sul sito Uncsaal, si è dimostrata una misura di grande importanza, avendo attivato oltre 1.400.000 interventi, per circa 17 miliardi di euro di investimenti, e la creazione di oltre 50 mila posti di lavoro all’anno nei settori coinvolti.

“Ci auguriamo”, conclude Realacci, “che il Governo prenda atto della volontà espressa e che nel dibattito in Commissione Bilancio tenga conto del parere dato oggi dai membri della Commissione Ambiente”.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

2 Commenti

Scrivi un commento