IMU e ICI, il confronto per gli immobili in locazione

Presentiamo il confronto tra ICI e IMU per gli immobili in affitto, dopo le modifiche sulle aliquote comunali aggiornate al 31 ottobre 2012, effettuato da Confedilizia (per tutti gli aggiornamenti sulle aliquote potete consultare “Elenco IMU 2012 aliquote comunali d’Italia“).

Le tabelle, riportate di seguito, illustrano, in valori assoluti e in percentuale, la differenza fra l’imposta dovuta a titolo di Ici nel 2011 e l’imposta dovuta a titolo di Imu nel 2012 per un immobile medio situato nei capoluoghi di Regione nei due casi in cui esso sia locato con contratto “libero” (4+4) e con contratto “concordato” (3+2, a canone calmierato).

La variazione dell’imposta è determinata, oltre che dall’innalzamento delle aliquote, dall’aumento del 60% della base imponibile, dovuto alla variazione del moltiplicatore da applicare alla rendita catastale (già aumentata del 5% nel 1996), che per gli immobili abitativi è passato da 100 a 160 (Manovra Monti “Salva Italia”).

Comune capoluogo di Regione

Aliquota ICI 2011

Aliquota IMU 2012

Imposta ICI 2011

Imposta IMU 2012

Variazione ICI/IMU

Ancona (rendita catastale: € 374,43)

7

10,6

275

667

+ 143%

Aosta (rendita catastale: € 903,80)

4

7,6

380

1.154

+204%

Bari (rendita catastale: € 581,01)

7

10,6

427

1.035

+ 142%

Bologna (rendita catastale: € 1.020)

5,7*

10,6

610

1.816

+ 198%

Cagliari (rendita catastale: € 595,34)

6,5

8,6*

406

860

+ 112%

Campobasso (rendita catastale: € 438,99)

6,9

10,6

318

782

+146%

Catanzaro (rendita catastale: € 309,87)

7

9,6

228

500

+119%

Firenze (rendita catastale: € 632,66)

7

10,6

465

1.127

+ 142%

Genova (rendita catastale : € 787,60)

7

10,6

579

1.403

+ 142%

L’Aquila (rendita catastale: € 632,66)

7

7,6

465

808

+ 74%

Milano (rendita catastale: € 877,98)

5

9,6*

461

1.416

+ 207%

Napoli (rendita catastale: € 800,51)

7

10,6

588

1.426

+ 143%

Palermo (rendita catastale: € 322,79)

7

10,6

237

575

+ 143%

Perugia (rendita catastale: € 516,46)

7

10,6

380

920

+ 142%

Potenza (rendita catastale: € 219,49)

7

10,6

161

391

+ 143%

Roma (rendita catastale: € 787,60)

7

10,6

579

1.403

+ 142%

Torino (rendita catastale: € 787,60)

7

10,6

579

1.403

+ 142%

Trento (rendita catastale: € 478)

6

7,83

301

629

+ 109%

Trieste (rendita catastale: € 671,39)

7

9,7

493

1.094

+ 122%

Venezia (rendita catastale: € 761)

7

10,6

559

1.355

+ 142%

Ancona (rendita catastale: € 374,43)

4

7,6

157

478

+ 204%

Aosta (rendita catastale: € 903,80)

1

7,6

95

1.154

+ 1.115%

Bari (rendita catastale: € 581,01)

3

4

183

390

+ 113%

Bologna (rendita catastale: € 1.020)

ZERO

7,6

ZERO

1.302

non calcolabile

Cagliari (rendita catastale: € 595,34)

2,5

8,6*

156

860

+ 451%

Campobasso (rendita catastale: € 438,99)

5,5

10,6

254

782

+208%

Catanzaro (rendita catastale: € 309,87)

7

9,6

228

500

+119%

Firenze (rendita catastale: € 632,66)

6

7,6

399

808

+ 103%

Genova (rendita catastale: € 787,60)

2*

7,6*

165

1.006

+ 510%

L’Aquila (rendita catastale: € 632,66)

6,5*

6,6*

432

701

+ 62%

Milano (rendita catastale: € 877,98)

4

6,5

369

959

+ 160%

Napoli (rendita catastale: € 800,51)

7

10,6

588

1.426

+ 143%

Palermo (rendita catastale: € 322,79)

3,8

10,6

129

575

+ 346%

Perugia (rendita catastale: € 516,46)

7

10,6**

380

920

+ 142%

Potenza (rendita catastale: € 219,49)

3

7,6*

69

280

+ 306%

Roma (rendita catastale: € 787,60)

4,6*

10,6

380

1.403

+ 269%

Torino (rendita catastale: € 787,60)

1

5,75

83

761

+ 817%

Trento (rendita catastale: € 478)

4*

7,83

201

629

+ 213%

Trieste (rendita catastale: € 671,39)

4,25

6,5

300

733

+ 144%

Venezia (rendita catastale: € 761)

0,5

7,6

40

972

+ 2.330%

Fonte: Confedilizia

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento